domenica, 26 ottobre 7℃

Pagani, sequestrati quattro quintali di pesce sprovvisto di etichetta

La guardia di finanza ha eseguito controlli e in due pescherie ha rinvenuto, sia sui banconi di vendita che nelle celle frigorifere, pesce di dubbia provenienza e sprovvisto di etichettatura. Segnalati due responsabili

Redazione 15 dicembre 2011

Quattro quintali di pesce di dubbia provenienza sono stati sequestrati in due pescherie di Pagani dagli uomini della guardia di finanza della sezione operativa navale di Salerno. I militari hanno effettuato i controlli e hanno scoperto che sui banchi di vendita e nelle celle frigorifere delle due attività della città si trovava pesce di dubbia provenienza, sprovvisto, si legge in un comunicato stampa del comando provinciale di Salerno, della documentazione attestante la provenienza.

Annuncio promozionale

Le fiamme gialle hanno quindi sequestrato la merce e hanno segnalato all'autorità sanitaria due responsabili, T. A. 66 anni di Castellammare di Stabia e G. U. 63 anni di Torre Annunziata per violazione della normativa vigente in materia di etichettatura e tracciabilità dei prodotti. Per entrambi inoltre sanzioni amministrative per un totale di 3500 Euro. Alle operazioni ha preso parte anche personale veterinario della ex Asl Salerno 1 di Nocera Inferiore.

Pagani
denunce
sequestri
settore alimentare

Commenti