Tartaruga morta a Sapri: aveva sette filtri nello stomaco

a conferma arriva dal Centro Ricerche tartarughe marine della Campania che ha eseguito un’autopsia sulla carcassa della tartaruga

Foto archivio

La tartaruga caretta caretta morta a Sapri aveva ingerito 7 dischetti rinvenuti la scorsa primavera, probabilmente associabili a quelli dell’impianto di depurazione di Varolato, a Capaccio Paestum. La conferma arriva dal Centro Ricerche tartarughe marine della Campania che ha eseguito un’autopsia sulla carcassa della tartaruga.

La ricostruzione

Il personale della Guardia Costiera accertò l'avvenuta fuoriuscita dei filtri che, a causa di un cedimento strutturale di una vasca dell'impianto, si riversarono nel fiume Sele per poi confluire nel Mar Tirreno, dove per effetto delle correnti si sono distribuiti lungo le coste della Campania e del Lazio. Furono rinvenuti tantissimi filtri, chiamati anche dischetti., intervenne anche la magistratura. 
 

Potrebbe interessarti

  • "Aiuto, abbiamo la casa invasa da serpenti": incubo per una famiglia di Teggiano

  • Potassio: come assumerlo e perché fa bene a cuore, reni e ritenzione idrica!

  • Battipaglia, serpente a spasso in via De Amicis: l'appello

  • Trasporto pubblico, al via la campagna di abbonamenti gratuiti Unico Campania

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sul Trincerone: Salerno si stringe attorno alla famiglia di Francesco, il cordoglio del sindaco

  • Incidente a Giovi: auto finisce in un precipizio, 4 feriti gravi. Scannapieco in pericolo di vita

  • Tragedia in Costiera Amalfitana: uomo si impicca a Vettica

  • Ricoverata d'urgenza a 12 anni: muore nella notte la piccola Francesca, choc a Matierno

  • Incidente mortale ad Agropoli: auto contro un muretto, muore 17enne

  • Incidente sul Trincerone, è morto il giovane portapizze: lutto a Salerno

Torna su
SalernoToday è in caricamento