homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

"Tassa sulla salute": il Codacons lancia un'azione risarcitoria per i lavoratori

Per anni numerosi cittadino avrebbero versato il balzello senza ottenere i contributi previdenziali. Ora, invece, sarà possibile avere il risarcimento

Il Codacons lancia in Campania una nuova battaglia legale: quella contro la “tassa sulla salute”. Per anni, i lavoratori della regione non iscritti fino al 1995 ad alcun istituto mutualistico di natura pubblica hanno versato allo Stato una parte di quanto percepito (pari a circa il 10% della retribuzione) sotto forma di “tassa sulla salute”: eppure - secondo il Codacons - "non hanno di fatto ottenuto il riconoscimento di queste somme a titolo di contributi previdenziali". Tra loro, ad esempio, economisti, amministratori di condominio, fisioterapisti, archeologi, guide turistiche che non svolgono l'attività in forma imprenditoriale. "Questa situazione ha determinato per tutti una perdita significativa di anni di contribuzione utili per il raggiungimento della pensione, con tutti gli effetti che ne conseguono; tanto a fini giuridici - in termini di mancato riconoscimento dell’anzianità contributiva per l’attività svolta in quegli anni - quanto a fini economici, per ciò che concerne il trattamento pensionistico (già percepito attualmente oppure futuro)".

Per questa ragione il Codacons ha deciso quindi di mettere a disposizione dei lavoratori della Campania interessati una diffida con la quale chiedere il riconoscimento e il recupero delle somme versate a titolo di “tassa sulla salute” - dapprima in favore dell’Inps (fino al 1991) e poi (fino al 1995) all’amministrazione finanziaria, sotto forma di contributi previdenziali: l'obiettivo è quello di ottenere una somma compresa tra i 300 e i 1000 euro, oltre interessi e rivalutazione monetaria, per ciascun anno di contribuzione perso, fino ad un massimo di 15 anni in tutto.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Incidente sulla litoranea, tra Pontecagnano e Battipaglia: grave un 20enne

    • Cronaca

      Baronissi, trovato il cadavere di un 50enne nei pressi di un terreno

    • Cronaca

      Caldo e sporcizia, tornano le blatte in città: l'allarme del Comitato San Francesco

    • Cronaca

      Tentato suicidio a Ogliastro: una donna si dà fuoco per farla finita

    I più letti della settimana

    • A Sala Consilina arriva il comandante dei carabinieri più giovane d'Italia

    • Giovanni Romano si è dimesso da sindaco di Mercato San Severino

    • Giro di nomine nelle chiese salernitane: ecco i nuovi parroci

    • Vuole suicidarsi in via Baratta, la Polizia Municipale salva una giovane

    • Torna il maltempo in Campania: l'allerta della Protezione Civile

    • Pontecagnano, maxi sequestro di beni ad un noto commerciante

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento