Forte terremoto in Campania: scossa avvertita anche a Salerno e provincia

Una scossa di terremoto è stata avvertita in città e in provincia, poco dopo le ore 18, attimi di tensione

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita a Napoli e in diverse zone della Campania, come il Beneventano e l'Avellinese.  L'epicentro risulta a ridosso dei Monti del Matese ed è di magnitudo 5. Il sisma è stato avvertito con intensità soprattutto ai piani alti delle abitazioni in diversi quartieri di Napoli, dove la gente si è riversata in strada in varie località.

Tale scossa ha fatto tremare anche i salernitani, poco prima delle ore 18 di oggi. Notevole lo spavento con i muri e i lampadari che hanno ballato riportando la memoria indietro a quel 23 novembre del 1980. Presi d'assalto dalle chiamate i centralini dei Vigili del Fuoco. Gia' la notte scorsa, dopo le 2, l'Istituto di geofisica e Vulcanologia aveva localizzato un movimento tellurico magnitudo 2.6 e 2.4 al confine tra Irpinia e Sannio. Attimi di tensione.

Nel dettaglio:

La prima scossa del pomeriggio è stata di magnitudo 2.7 ed è avvenuta alle 18:03, seguita 5 minuti dopo da un'altra scossa di magnitudo pari a 4.9. Pochi minuti dopo, a partire dalle 18:18  fino alle 18:29 si sono susseguite 4 scosse, la prima di magnitudo 2.7 la seconda di 2.3 e la terza e la quarta di 2.8. Altre 3 scosse alle ore 19:11 di 2.7, alle ore 19:16 di 2.5  e alle 19:19 di 2.2 . Infine, alle 19:33 una nuova scossa di magnitudo 2.4. Altre 3 scosse la prima alle 20:00 di 2.6 un'altra alle 20:49 di 3.7 ed infine una di magnitudo 3.2 alle 21:14.

Danni:

I Vigili del Fuoco di Salerno non hanno segnalato danni a cose o persone nella nostra provincia. "Al momento non si registrano danni a persone o cose. Utilizziamo i cellulari solo per estrema necessità per qualche ora''. Così su twitter il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, in merito alla scossa di terremoto avvertita in città. Momenti di paura si sono registrati nell'Avellinese. Molti i fedeli che stavano partecipando alla messa del pomeriggio. Stessa situazione anche nel Beneventano dove al momento, comunque, non si registrano danni. Proprio nei piccoli centri del Beneventano e del Casertano, dove si è registrato l'epicentro della scossa di terremoto, i carabinieri - secondo quanto reso noto - stanno fornendo assistenza alla popolazione nelle zone più isolate, in particolare a supporto delle persone più anziane e per la verifica di eventuali danni.

Il monitoraggio

La Protezione civile della Regione Campania sta effettuando un monitoraggio del territorio per verificare se vi siano danni causati dalle due scosse di terremoto che si sono registrate questa sera. L'assessore competente, Edoardo Cosenza è presso la Sala operativa di Protezione civile da dove ha già sentito i prefetti di Caserta e di Benevento e si tiene in stretto contatto con il direttore regionale dei Vigili del fuoco, ingegner Guido Parisi che, al momento, hanno confermato che nessun danno serio è stato segnalato. I tecnici della Sala operativa - che hanno ricevuto molte telefonate - stanno sentendo, invece, i singoli sindaci. Al momento, non sono pervenute alla struttura regionale richieste di intervento. Il presidente della Regione, Stefano Caldoro e l'assessore Cosenza, si tengono costantemente aggiornati e seguono l'evolversi della situazione.

Il commento

L'area tra le province di Caserta e Benevento dove si è verificato il terremoto di questo pomeriggio è notoriamente sismica. Lo sottolinea Marcello Martini, sismologo dell'Osservatorio Vesuviano e già direttore della struttura. ''L'epicentro - spiega Martini - è quello dell'area a ridosso del Matese, a 5/6 chilometri dai centri di San Potito Sannitico, San Gregorio Matese e Castello del Matese. Il terremoto è stato avvertito in maniera sensibile anche a Napoli essendosi verificato a un livello superficiale. All'evento sono poi seguite altre repliche di magnitudo inferiore''. Nessuna sorpresa "perchè l'area interessata rientra in quelle catalogate come a rischio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia all'Università di Fisciano: giovane precipita dal parcheggio multipiano e muore

  • Suicidio all'Unisa, il cordoglio di Loia: in arrivo tre psicologi per gli studenti

  • Ex coppia di Pontecagnano a "C'è Posta per te": Federica dice no a Salvatore

  • Gelo a Ricigliano, il parroco ai fedeli: "Celebro la messa a casa vostra"

  • Contursi Terme piange Mumù, il sindaco dei cani

Torna su
SalernoToday è in caricamento