Caos traffico in Costiera Amalfitana, Gagliano scrive a De Luca: "Ecco come può risolvere il problema"

Il noto imprenditore alberghiero di Praiano si rivolge direttamente al presidente della Regione Campania affinchè convochi un tavolo di concertazione con i sindaci e le istituzioni locali

Salvatore Gagliano

Caos traffico e sicurezza a rischio in Costiera Amalfitana. Gli enormi disagi verificatisi nel giorno della Festa della Liberazione (25 aprile) spingono l’imprenditore alberghiero di Praiano Salvatore Gagliano a scrivere direttamente al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca affinchè si interessi della problematica in vista, soprattutto, della stagione estiva. Ecco il contenuto della lettera: “Nella qualità di operatore turistico della Divina Costa sento il bisogno di segnalarle che la situazione della viabilità in Costiera Amalfitana è diventata pressochè insostenibile sotto tutti gli aspetti. Non c'è un minimo di disciplina. Mezzi pesanti di tutte le dimensioni che attraversano la 163 amalfitana. Pullman enormi. Vie del mare che non funzionano. I poveri vigili urbani di ogni singola realtà, troppo soli ed abbandonati a se stessi, per poter risolvere un problema di tale portata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Gagliano racconta a De Luca un episodio verificatosi ieri pomeriggio: “Mi sono sentito mortificato allorquando un ospite della nostra struttura è partito alle16 per prendere il treno per Roma alle 19,45 ed è restato imbottigliato fra i tornanti della costiera per giungere a Salerno alle 20.30. Non è possibile è una vergogna! Ma ci si rende conto cosa potrebbe accadere se in quei momenti la strada dovesse essere attraversata da un'ambulanza con un'urgenza? C'è bisogno di un immediato tavolo di concertazione con Anas, Sindaci e categorie per affrontare e risolvere il problema. Ed il tutto dovrà essere coordinato da lei senza alcuna delega e senza guardare gli interessi di chiunque, in quanto il bene della Costa d'Amalfi è un qualcosa che va protetto e tutelato, senza guardare ai singoli ma alle comunità. Di questo passo, mi creda presidente, scoppieremo tutti e quando ce ne renderemo conto, le assicuro, sarà troppo tardi. Oggi si ricomincia con il lavoro, e vedrà che i tanti pendolari che dovranno per lavoro attraversarla, avranno anch'essi notevoli disagi. Governatore, è arrivato il momento di dire basta ! Metta in campo la Sua determinazione messa in campo per altre cose , e vedrà che il problema di certo si risolverà. Ma come al solito, ribadisco, senza guardare in faccia nessuno. Attendiamo fiduciosi e con tanta speranza” conclude Gagliano.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, sospende il pagamento dell'affitto per gli inquilini in difficoltà: il bel gesto di una cittadina di Baronissi

  • Coronavirus: nuovi contagi a Baronissi e a San Valentino Torio, Valiante dà il nome

  • Coronavirus: contagiato anche un imprenditore a San Severino, parla il sindaco

  • Non risponde ai vicini: vigili del fuoco e carabinieri in via Dei Principati

  • Covid-19, morto anziano a San Marzano sul Sarno: il cordoglio del sindaco

  • Coronavirus: nuovi contagi a Nocera e Fisciano

Torna su
SalernoToday è in caricamento