Falsi redditi per ottenere contributi, 24 denunce a Montecorvino Rovella

Ventiquattro residenti avevano prodotto false dichiarazioni reddituali allo scopo di ottenere contributi per canoni di locazione: le somme sono state bloccate dal comune

Il comune di Montecorvino Rovella

Riuscivano ad ottenere contributi regionali per il sostegno all'accesso delle abitazioni in locazione per famiglie indigenti grazie a false attestazioni relative ai redditi percepiti: 24 persone sono state denunciate a Montecorvino Rovella al termine di una indagine avviata nel settembre 2012 dai carabinieri della locale stazione e dai militari della compagnia di Battipaglia, agli ordini del capitano Giuseppe Costa. L'ipotesi di reato è di falsità ideologica e truffa aggravata.

L'indagine dei carabinieri era partita in seguito ad alcune informazioni raccolte sul territorio circa il malumore di famiglie realmente indigenti e che non avevano ottenuto all'accesso al contributo: nelle graduatorie pubblicate, riferiscono i carabinieri, erano state segnalate "persone non bisognose". Da qui l'indagine dei militari, che hanno scoperto che le 24 persone denunciate avevano ottenuto, per il 2010 e il 2011, contributi dalla regione (passando ovviamente per il comune) grazie a false autocertificazioni, per un danno di circa 70mila Euro per l'ente. Nel contempo famiglie "realmente bisognose" non hanno avuto accesso ai contributi regionali. Gli uffici comunali di Montecorvino Rovella hanno bloccato l'erogazione dei contributi.

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Travolto da un treno ad Angri: Tobia è morto, Agro a lutto

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente sulla Cilentana, muore anche la 17enne di Albanella

Torna su
SalernoToday è in caricamento