Università di Salerno, la studentessa affetta da meningite è tornata a casa

La giovane Michela, originaria della provincia di Avellino, è completamente guarita. Ad annunciare la bella notizia è direttamente la direzione dell'Ateneo

E’ tornata a casa finalmente a casa Michela, la studentessa dell’università degli studi di Salerno ricoverata lo scorso 6 aprile per meningite da meningococco di tipo b. La bella notizia arriva direttamente dall’Ateneo che – in una nota – “ringrazia lo staff medico dell’Azienda Ospedaliera dei Colli Monaldi-Cotugno per l'aggiornamento costante e l’Asl Salerno che, con un’informazione puntuale e precisa, ha contribuito a rasserenare in questi giorni la comunità universitaria. L’Università di Salerno augura a Michela una felice ripresa delle sue abitudini di vita e delle attività universitarie”.

Nei giorni scorsi a rassicurare sulle sue condizioni di salute, dopo l'uscita dal coma farmacologico, era stato il Rettore Tommasetti.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Controlli nelle festività Pasquali: arresti, denunce e sequestri nel salernitano

    • Cronaca

      Nocera Inferiore, gambizzato per un'automobile: indagini su una tentata rapina

    • Politica

      25 aprile, si infiamma il dibattito a Salerno: destra e sinistra si dividono sulla festa

    • Cronaca

      Ravello, sequestrata la sala ristorante con vista mare di un albergo

    I più letti della settimana

    • Si capovolge con l'auto tra Olevano e Battipaglia: Vicinanza vivo per miracolo

    • La Valle dell'Irno piange il giovane Rosario, ucciso da un brutto male

    • Lutto al Ruggi d'Aragona: morto Giovanni Cantone, padre del direttore generale

    • Nuovo assalto con sparatoria ad un portavalori sul raccordo Salerno-Avellino: banditi in fuga

    • Dramma ad Angri, uomo si toglie la vita nel cimitero: sotto choc familiari e amici

    • Ruggi, donna muore per un'emorragia cerebrale: donati gli organi

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento