Torrione Alto, sgomberato campo rom: scattano due denunce

In azione gli agenti della Polizia Municipale di Salerno. L'intervento è scattato su segnalazione dei residenti

Questa mattina gli agenti della Polizia Municipale sono intervenuti in via Eduardo De Filippo, su segnalazione dei residenti del quartiere di Torrione Alto, per la presenza di un accampamento rom nell'alveo del torrente Romaccio.

Il blitz

Sul posto è stata riscontrata la presenza di due uomini rom, che avevano costituito un accampamento collocandovi masserizie di ogni genere: reti con materassi, tavoli, sedie, barbecue, fornellini con relative bombole di gas, tende e indumenti e rifiuti sparsi dappertutto. Gli agenti hanno rilevato, inoltre, precarie condizioni igieniche, oltre che di sicurezza, stanti anche i rischi d allagamenti e la presenza di bombole del gas. Per questo hanno proceduto allo sgombero e allo smantellamento dell'accampamento. Con l'intervento dei dipendenti della società Salerno Pulita sono stati inoltre rimossi i rifiuti presenti e tutte le masserizie. Ed è stata ripristinata la rete di recinzione, che era stata divelta per consentire l'accesso al campo, grazie all'intervento di personale della Sezione Strade. I due responsabili sono stati identificati, sanzionati e deferiti all'Autorità Giudiziaria per invasione di terreni, per poi essere allontanati, non prima di aver provveduto al ripristino totale dello stato dei luoghi. Nelle prossime ore verrà richiesta l'emissione del provvedimento di divieto di ritorno, avanzandone proposta all'Ufficio Anticrimine della Questura di Salerno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I clan attivi in provincia di Salerno: nuova relazione dell'Antimafia

  • Sta per aprire "Mizzica": degustazioni siciliane nel centro di Salerno

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Suicidio a Campagna, 31enne si toglie la vita: comunità a lutto

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • "E' il tuo turno? Non mi interessa: ti ricevo dopo": sgarbo e razzismo all'Asl di San Severino

Torna su
SalernoToday è in caricamento