lunedì, 28 luglio 19℃

Alluvione: Romano estende lo stato di calamità al territorio salernitano

Il Ministro delle Politiche Agricole accoglie la richiesta della Regione Campania e mette a disposizione dei comuni salernitani le risorse del Fondo di Solidarietà Nazionale

Redazione 22 luglio 2011

Ha firmato il decreto per estendere lo stato di calamità ai territori salernitani danneggiati dalle piogge alluvionali dello scorso novembre, il Ministro alle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Saverio Romano. "Le imprese agricole dei comuni della provincia di Salerno, colpiti dalle piogge alluvionali dello scorso novembre, potranno usufruire delle provvidenze messe a disposizione dal Fondo di Solidarieta' Nazionale. Abbiamo deciso - continua - di accogliere la richiesta della Regione Campania, relativa all'allargamento della delimitazione dei territori danneggiati perche' in questo modo contiamo di dare il giusto sostegno agli agricoltori colpiti da queste calamità", queste le parole del Ministro che, con l'approvazione del decreto, fa tirare anche un sospiro di sollievo ai contadini del nostro territorio che potranno far fronte ai danni subiti con i contributi del Fondo di Solidarieta' Nazionale.

Ventuno, i comuni che, danneggiati dalle piogge alluvionali dell'8 e del 10 novembre del 2010, sono stati inclusi nello stato di calamità. Tra questi, Laviano, Contursi Terme, Colliano, Roscigno, Postiglione, Ottati, Castelcivita, Aquara, Sant'Angelo a Fasanella. E ancora, Corleto Monforte, Sicignano degli Alburni, Monteforte Cilento, Sacco, Piaggine, Laurino, Stio, Sassano, Sanza, Montesano sulla Marcellana, San Pietro al Tanagro e, infine, Monte San Giacomo.

Annuncio promozionale


 

Saverio Romano
alluvioni
calamità
fondi

Commenti