Effetto Coronavirus, Del Grosso: “Necessario un nuovo modello di accoglienza fondato sulla fiducia”

L’Hotel Manager dell’"Hotel Palace" di Battipaglia, messo in contatto con la nostra redazione, racconta come sta affrontando la crisi del settore in questo periodo di crisi

Federico Del Grosso

L’emergenza Coronavirus sta creando grandi difficoltà a tutti i settori economici. Tra quelli in maggiore sofferenza c’è il comparto dell’hospitality, che registra la peggiore crisi nella storia recente. L’Hotel Palace, albergo con oltre 40 anni di storia situato nel cuore di Battipaglia, in una posizione strategica per chi arriva nella Piana del Sele per affari o per chi intende spostarsi nelle vicine località archeologiche, sta utilizzando la sosta forzata per riorganizzare la propria struttura. Ne parliamo con l’Hotel Manager dell’Hotel Palace Federico Del Grosso che, messo in contatto con la redazione di Salernotoday, spiega: “E’ innegabile che l’emergenza sanitaria stia creando una grave danno economico al settore turistico ed è giusto e sacrosanto che il Governo faccia la sua parte per aiutare tutti lavoratori del comparto così come è necessaria, per favorire la resilienza degli albergatori, la collaborazione degli enti locali sulla sburocratizzazione. Ritengo, però, a questo punto, necessaria una riflessione sull’intero settore dell’hospitality in Italia. La crisi in atto sta spazzando via un modello probabilmente perdente”.

Come ne possiamo uscire?

“Proponendo un nuovo modello di accoglienza fondato sulla fiducia. A mio avviso, ciascun operatore è chiamato a sviluppare una carta dei valori fondata su un maggiore rispetto e trasparenza nei riguardi degli ospiti e dei collaboratori, penalizzati fortemente in questo periodo. Mi piacerebbe che questo sistema valoriale, orientato ad una sostenibilità sociale, fosse condiviso dagli operatori dell’hospitality, per non far prevalere tra i visitatori il sentimento della paura appena il Paese ripartirà. Solo così saremo in grado di rilanciare il turismo” 

Quale ruolo dovrà svolgere una struttura alberghiera nel post crisi?

“L’emergenza Coronavirus dimostra che le situazioni di pericolo possono essere improvvise e soprattutto non prevedibili. Le strutture alberghiere devono far sentire il visitatore protetto, rassicurandolo attraverso un’attenzione alle sue esigenze, così da non inficiare il suo soggiorno di piacere o di lavoro. L’ospite deve sentirsi sicuro di prenotare senza timori. La parola chiave dev’essere fiducia”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Voi come vi state organizzando?

“Noi abbiamo deciso di non fermarci e guardare con fiducia ed ottimismo al futuro. Stiamo investendo ulteriormente nella nostra struttura, dotandola di nuove camere deluxe per migliorare l’esperienza di soggiorno dei visitatori. Inoltre, inseriremo nel nostro team una nuova figura, appena tutto questo passerà. Siamo, poi, al lavoro su una carta dei valori che metta al centro l’ospite e i suoi bisogni. Insomma, stiamo utilizzando questo periodo di stop così complesso per riorganizzarci.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Sarno si sveglia in lacrime: muore Michele, 38enne ricoverato al Ruggi

  • Suicidio a Salerno, si lancia dalla finestra e muore sull'asfalto

  • "Alimenti scaduti nel mio pacco": il direttore del Banco Alimentare risponde alla mamma di Pontecagnano

  • Covid-19, sospende il pagamento dell'affitto per gli inquilini in difficoltà: il bel gesto di una cittadina di Baronissi

  • Coronavirus: 1° contagio a San Mango e nuovo caso a San Severino, i nomi dei pazienti

  • Coronavirus: nuovi contagi a Baronissi e a San Valentino Torio, Valiante dà il nome

Torna su
SalernoToday è in caricamento