Piano del Lavoro della Regione Campania, De Luca: "Altri 1500 posti a tempo indeterminato"

De Luca: "La Campania tiene nel quadro complessivo del Mezzogiorno (nel triennio 2015/18 Pil a +4,1 per cento), ma diventa sempre più importante mettere al primo posto il lavoro"

"Dalle anticipazioni dei dati Svimez emergono due drammatiche conferme: il divario con il Nord e la fuga dei giovani dal Sud. La Campania tiene nel quadro complessivo del Mezzogiorno (nel triennio 2015/18 Pil a +4,1 per cento), ma diventa sempre più importante mettere al primo posto il lavoro, come abbiamo fatto sin dall’inizio della nostra azione amministrativa. È la nostra priorità e la Svimez con i numeri conferma che le strategie messe in campo rappresentano l’unica vera svolta possibile".

Parola del Governatore della Campania, Vincenzo De Luca che, su Facebook, rende noto come il Piano del Lavoro della Regione Campania sia nato e si realizza "per questo, per dare un lavoro vero e stabile subito a tremila giovani".

L'annuncio di De Luca

Altri 1500 posti di lavoro a tempo indeterminato, quello che consente di mettere su famiglia, di accendere un mutuo, di trattenere in Campania i giovani e che partirà il prossimo autunno. Poi le altre misure messe in campo dalla Regione: Garanzia Giovani, gli incentivi alle imprese, la formazione mirata degli ITS, le assunzioni finalmente avviate nella sanità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Avanti così, per fermare questa emorragia drammatica di giovani. E per fermare una distorta autonomia differenziata che non farebbe altro che aumentare il divario tra Nord e Sud. Quindi: difendere l’unità del Paese, sì alla sfida dell’efficienza, fabbisogni standard per ogni cittadino italiano, fondo di perequazione come previsto dalla Costituzione, sì alla sburocratizzazione. Questa è l’autonomia da realizzare dentro un’Italia unita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

  • Mare con schiuma gialla e meduse morte tra Pontecagnano e Battipaglia

  • Coronavirus, nuovi 10 contagi in Campania: il bollettino

  • Tutti a mare a Salerno: nessuno rinuncia ai tuffi, traffico in Costiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento