Pontecagnano Faiano, apre il Distretto dell’Economia Civile: il progetto

L'assessore Spina: "E’ un atto che rende la nostra città ancor più capace di affrontare le sfide che la nostra società ci riserva: sfide relative alla crescita, alla possibilità inclusiva, all’autonomia"

Pontecagnano Faiano è il terzo Comune italiano ad ospitare un Distretto dell’Economia Civile. Con una delibera di Giunta del 21 febbraio scorso, l’Ente ha previsto l’attivazione di questo servizio presente, ad oggi, solo a Campi Bisenzio (Firenze) e nella comunità montana dei Castelli Romani.

I dettagli

Par la Giunta Lanza si tratta di "un traguardo  importante, che segue le orme di Antonio Genovesi: scrittore, filosofo, economista e sacerdote italiano che nel Settecento ha aperto la strada all'idea di un'economia etica che ha come obiettivo la felicità pubblica". Non è un caso, dunque, che il Distretto abbia come fine primario quello di farsi portavoce e fautore di questo nuovo modello di sviluppo, approvare il percorso di attivazione proposto da Legambiente che prevede, tra l’altro, la realizzazione di diverse iniziative (tra cui  la presentazione del libro “I Distretti dell’Economia Civile”, l’implementazione della mappa di comunità e la presentazione dei dati alle Aziende locali, il patrocinio morale del Comune a “Festambiente Beni Comuni” 2019 dedicata al tema dell’Economia Civile), di lavorare all’istituzione di un tavolo tecnico con i Comuni di Giffoni Valle Piana, Giffoni Sei Casali, Montecorvino Rovella, Montecorvino Pugliano, San Cipriano Picentino, Castiglione Dei Genovesi, Acerno, con l’obiettivo in sintesi di allargare il Distretto ai Comuni Picentini. Protagonisti dell’iniziativa saranno la Pubblica Amministrazione, le imprese, gli enti del terzo settore, i cittadini e il mondo della formazione, che lavoreranno in sinergia e senza sosta per dare forma ad un provvedimento decisivo in termini di innovazione, interazione fra enti diversi, possibilità di sviluppo a livello economico, ambientale e sociale.

I commenti

Soddisfatto l’assessore Carmine Spina: “E’ un atto che rende la nostra città ancor più capace di affrontare le sfide che la nostra società ci riserva: sfide relative alla crescita, alla possibilità inclusiva, all’autonomia. Lavoreremo tutti, indistintamente, per rispondere positivamente a questa prova che ci pone ai primi posti di una classifica di Comuni operosi e realmente attenti ai bisogni complessivi della collettività”. Gli fa eco il sindaco Giuseppe Lanzara: “La delibera pone le basi per l’instaurazione di  una relazione forte fra Istituzioni ed altri attori, che perseguiranno insieme l’obiettivo di lavorare sul fronte del lavoro, della sostenibilità ambientale, della coesione sociale e di tutto quanto attiene al raggiungimento di una condizione di benessere per tutti”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Fiumi di visitatori, Salerno paralizzata dal traffico: Tangenziale e autostrade in tilt

  • Cronaca

    Rifiuti, sito di compostaggio a Pontecagnano e due impianti a Giffoni: il progetto

  • Cronaca

    Eboli, accoltella la rivale in amore: nei guai una minorenne

  • Incidenti stradali

    Incidente a Ravello, investito da una moto: barista in ospedale

I più letti della settimana

  • Nocera Superiore, si schiantò con la moto: muore 22enne

  • Braccianti ridotti in schiavitù: arrestato Pasquale Infante di Eboli

  • Travolto da un'auto mentre cammina tra Battipaglia e Eboli: morto 53enne

  • Terremoto nel mare del Cilento: tensione tra i residenti

  • Va a vedere Juve-Atletico con il figlio: Vittorio Salvati stroncato da malore

Torna su
SalernoToday è in caricamento