"Giù le mani dal Porto di Salerno": il sindaco Napoli accanto ai lavoratori in piazza

In piazza Amendola anche Roberto De Luca del Pd, figlio dell'ex sindaco di Salerno e Governatore della Campania

Un momento della protesta

Tutti in piazza, a Salerno, per dire "no" all’accorpamento delle autorità portuali di Salerno e Napoli. Gli imprenditori di Assotutela e i lavoratori del porto commerciale di Salerno, questa mattina, si sono ritrovati in piazza Amendola per contestare la riforma del Governo Renzi.

Tra i manifestanti anche il sindaco, Enzo Napoli che ha annunciato per l'11 febbraio la discussione del decreto legge di riforma portuale e delle eventuali modifiche, nella conferenza Stato-Regioni. Il prefetto Melfi ha intanto ricevuto una delegazione di lavoratori, sostenuti da diverse associazioni come la Cna. In piazza anche Roberto De Luca del Pd, figlio dell'ex sindaco di Salerno e Governatore della Campania. "No alla subalternità economica, imprenditoriale e occupazionale del porto di Salerno rispetto a Napoli: la città di Salerno sarà privata di un’importante istituzione territoriale, e della capacità di decidere del futuro del suo maggiore sistema imprenditoriale ed occupazionale", hanno spiegato in coro i manifestanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma al Ruggi, ragazza partorisce la figlia e poi muore di tumore

  • Costiera a lutto, è morto prematuramente il maresciallo Perrelli

  • Coronavirus, due ragazze cilentane in quarantena

  • Lutto a Castellabate, muore il maresciallo dei vigili Vincenzo Cilento

  • Concorso per OSS a Salerno, annunciate anche oltre 500 assunzioni di medici e amministrativi

  • Caso sospetto di Coronavirus a Salerno: esito negativo ai test

Torna su
SalernoToday è in caricamento