Covid-19: a Sarno agevolazioni per commercianti, al via i distretti commerciali

L'ammontare delle agevolazioni per quanto riguarda la Tari è di circa 180mila euro, mentre per la Cosap è di 100mila euro

Sostegni alle attività commerciali e a quelle turistiche, a Sarno. La Giunta guidata dal Sindaco Giuseppe Canfora ha approvato, su proposta degli assessori al Bilancio e ai Tributi Gaetano Ferrentino e alle Attività Produttive Francesco Squillante, le delibere per le “misure volte a sostenere le attività economiche danneggiate dallo stato emergenziale”. L'ammontare delle agevolazioni per quanto riguarda la  Tari è di circa 180mila euro, mentre per la Cosap è di 100mila euro. In particolare, sono state confermate le tariffe del 2019, tra le più premiali di sempre, col principio di copertura totale dei costi.

Il punto sulla Cosap

Per quanto riguarda la Cosap, la Giunta di Palazzo San Francesco ha approvato la proposta di delibera, da sottoporre all'esame del Consiglio Comunale per l'approvazione definitiva, di esentare dal pagamento:

- gli assegnatari di posteggio presso la fiera settimanale ed i mercatini rionali;
- le occupazioni con Dehors, tipo A e tipo B, nonché con tavoli e sedie fatte da esercizi di somministrazione di alimenti e bevande allo scopo di consentire il distanziamento sociale dei propri avventori;
-le occupazioni di suolo pubblico fatto con chioschi;
- le occupazioni di suolo pubblico annuali fatte in prossimità dell'ingresso al Cimitero Comunale per la vendita di fiori e piante.

L'iniziativa per il turismo

La Giunta Comunale, su proposta dell'Assessore alle Attività Produttive, Francesco Squillante, sempre ieri, ha anche approvato l'atto di indirizzo per la creazione di un Distretto Commerciale, che andrà ad inglobare anche il Centro Commerciale Naturale, e vede coinvolte le associazioni di categoria e le imprese commerciali del territorio, in grado di contribuire alla crescita socio economica della città. L'iniziativa, promossa dall'assessore Squillante, intende valorizzare tutte le risorse presenti sul territorio, al fine di accrescere l'attrattività e sostenere la competitività delle attività commerciali.

Nello specifico, il Comune può proporre alla Regione l'individuazione di ambiti territoriali come distretti del commercio, intesi come entità innovative che definiscono ambiti e iniziative nei quali i cittadini, le imprese e le formazioni sociali liberamente aggregati sono in grado di fare del commercio, in integrazione con altri settori
produttivi quali attività artigianali, di servizi e turistico - ricettive nonché di valorizzazione di tutte le risorse presenti sul territorio, per accrescere l'attrattività complessiva, rigenerare il tessuto urbano e sostenere la competitività delle sue polarità commerciali. L'ambito territoriale del distretto del commercio viene, comunque, individuato e definito sulla base dei criteri attuativi stabiliti dalla Giunta regionale, sentita la commissione consiliare competente e previa audizione delle associazioni di categoria del commercio maggiormente rappresentative a livello regionale.

Gli obiettivi e le azioni

Per valorizzare le caratteristiche particolari di tali ambiti, il Comune, quale soggetto capofila, agisce quale referente amministrativo unico nei confronti della Regione in nome e per conto di un partenariato locale, costituito da soggetti pubblici e privati, proponendo programmi di intervento di gestione integrata per lo sviluppo del contesto urbano di riferimento. I programmi di intervento degli ambiti territoriali sono finanziati da appositi bandi, i cui criteri e modalità di attuazione sono definiti con delibera di Giunta regionale. Nella considerazione che lo sviluppo di una economia integrata ed una nuova cultura di cooperazione a sostegno della competitività del territorio nel suo insieme deve necessariamente fondarsi sull'accordo, non solo tra tutte le Istituzioni e Parti Sociali, ma fra essi e la Pubblica Amministrazione, si ritiene che la costituzione del Distretto del Commercio sia utile a perseguire la riqualificazione del commercio per migliorare l'offerta ai cittadini nonché per valorizzare tutte le risorse del territorio, per accrescere la competitività commerciale.

Parla l'assessore Squillante

“L'Amministrazione Comunale, è da tempo impegnata per rilanciare le attività commerciali. Il distretto rappresenta una grande opportunità, nuove possibilità di lavoro, ed ha come obiettivo quello di promuovere e rilanciare tutto il comparto commerciale. Si favorirà la nascita di un circuito virtuoso tra Ente Comune, associazioni di categoria e attività economiche, finalizzato alla creazione di un modello innovativo di sviluppo del centro urbano favorendone la sua rivitalizzazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' un modo concreto per contrastare la chiusura delle attività commerciali e favorire l'apertura di nuove. Un modello che, dopo una fase sperimentale, siamo pronti ad estendere ad altre zone della città. Stiamo lavorando tutti assieme per il rilancio del nostro territorio”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

Torna su
SalernoToday è in caricamento