Prima festa post Covid: la Costiera onora San Gennaro

Domenica 24 maggio ci sarà San Gennaro sul piazzale più panoramico della Costiera, a Praiano. Ingressi contingentati e con termoscanner, mascherine

"La Costiera riparte da San Gennaro. Domenica sarà la prima festa patronale in Costiera Amalfitana, diversa ma in uno scenario unico, forse tra i più panoramici e belli al mondo. La festa avremmo dovuto svolgerla a Praiano la prima Domenica di Maggio ma per ovvi motivi non è stato possibile. "Più che festa, sarà una funzione religiosa che dovrà essere raccolta e dedicata a chi ha lottato ed a chi non c'è più - dice il sindaco Di Martino, Presidente della Conferenza dei Sindaci della Costiera Amalfitana. - Non abbandoniamo le nostre tradizioni e per questo motivo le funzioni si terranno dalle 9 del mattino fino alle ore 20, sul piazzale dinanzi alla bellissima chiesa di San Gennaro. Domenica dalle ore 9 a Praiano con il massimo rispetto delle norme e senza assembramenti, si potrà salutare San Gennaro. Sul sagrato della chiesa avverrà l'esposizione del Santo. Sarà una festa patronale diversa, raccolta, con ingressi contingentati e sottoposti a termoscanner  su controllo di Croce Rossa, Polizia Municipale, Forze dell'Ordine e corpo di volontari. La Costiera sono convinto che per l'ennesima volta darà prova di grande efficienza e responsabilità. Il nostro è uno dei siti più prestigiosi ed amati al mondo, con arrivo di alcuni turisti già a fine Febbraio,  eppure sia per la fortuna ma soprattutto per la qualità dei servizi di controllo e responsabilità dei cittadini, non abbiamo avuto morti e vari paesini non sono neanche stati colpiti dal Covid". Presidente della Conferenza dei Sindaci della Costiera Amalfitana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tamponi

"Anche io questa mattina mi sono recato a Positano per sottopormi al prelievo dei tamponi - ha continuato Di Martino - in quanto riteniamo di dover dare il primo esempio e non possiamo rappresentare noi un rischio per gli altri. I sindaci sono stati e sono ancora oggi in prima linea sul fronte epidemia e dunque è corretto che si sottopongano al prelievo del tampone. L'operazione sicurezza continuerà in Costiera Amalfitana dove  stiamo lavorando alla riapertura ma prima puntando sulla sicurezza piena. Per questo motivo gli operatori turistici, commerciali e sanitari si stanno sottoponendo ai tamponi. Abbiamo iniziato martedì a Maiori con i primi 747 tamponi, abbiamo proseguito a Scala con altri 293 prelievi, poi ad Amalfi con altri 371 tamponi, oggi a Positano con altri 260 tamponi e al momento chiuderemo per questa fase ad Agerola domani, Sabato 23 Maggio, dalle ore 9 e 30, con altri 441 tamponi. Dobbiamo e vogliamo ospitare in sicurezza nel pieno stile Costiera Amalfitana".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Covid-19, altri 4 casi positivi in Campania: due sono a Cava de' Tirreni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • De Luca ospite di Gramellini su Rai 3: dalla Campania sicura, ai "raddrizzatori di banane"

  • Sparatoria ad Angri, ferito un imprenditore: a novembre un attentato alla sua azienda

  • Coronavirus: contagiata una persona a Vallo, il nuovo caso

Torna su
SalernoToday è in caricamento