Salerno, storia e tradizione: presentata la Fiera del Crocifisso Ritrovato

  • Dove
    Centro Storico
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 28/04/2018 al 01/05/2018
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni
La conferenza stampa di presentazione

“Salerno, storia e tradizione”: questo lo slogan della Fiera del Crocifisso Ritrovato che si svolgerà da sabato 28 aprile a martedì 1 maggio. L'evento è stato presentato a Palazzo di Città, alla presenza tra gli altri del sindaco Enzo Napoli, dell'assessore al commercio, Dario Loffredo, del direttore organizzativo della Fiera, Chiara Natella della Bottega San Lazzaro. Artigiani, menestrelli e mercati medievali riporteranno lo spettatore indietro nel tempo: addobbati con fiori e trasformati in botteghe a cielo aperto largo San Petrillo, Piazza Sant'Agostino, via Mercanti, largo Cassavecchia, piazza Tempo di Pomona, piazza Abate Conforti, largo Barbuti e Piazza Alfano I. Ci saranno giochi medioevali, spettacoli, arcieri.

La presentazione

"E' il nostro appuntamento rituale di primavera che richiama tradizioni del passato - ha detto il sindaco Enzo Napoli -. Ci saranno artisti di strada e tutto il corredo di iniziative che ha trasformato l'evento in una manifestazione di spicco del nostro calendario". "Salerno si riempirà di luci, colori e di costumi d'epoca. Tutti raggiungeranno la nostra città per godere delle fiabe dell'epoca. Alla Fiera del Crocifisso Ritrovato, la magia del medioevo conquisterà i salernitani", ha aggiunto l'assessore Loffredo. Salerno tra storia e tradizione ma "anche colori - ha precisato Chiara Natella - ci saranno stendardi, la gerbera che verrà donata a tutti i commercianti del centro storico, le mattonelle del maestro Ferrigno, la pasta fresca colorata per i bambini. Sarà un'occasione per ravvivare il centro storico e per trasmettere ai bambini la storia del Medioevo".

Le curiosità

La prima novità di questa edizione 2018 è rappresentata da oltre 500 stendardi, tutti cuciti a mano su stoffa, che saranno affissi nel centro storico ad indicare le famiglie nobili del Sud Italia di un tempo e gli stemmi che comparivano sulle porte della cinta muraria della città medievale: dal leone ruggente di Roberto Il Guiscardo, agli araldi civici della municipalità.

La didattica

Buona parte della didattica è stata concentrata in piazza Tempio di Pomona. Qui sarà possibile ammirare disegni e caricature medievali, oppure farsi dipingere sul corpo tatuaggi Temporanei Medievali, a cura Scuola grafica Salernitana o imparare l’arte degli amanuensi e la scrittura medievale con gli alunni del liceo artistico “Sabatini-Menna”. Poi spazio ai segreti dell’impollinazione naturale delle culture protette e dei frutteti mediante l’utilizzo di api e bombi. Gli alunni dell’Istituto “Trani – Moscati” di Salerno, invece, con i loro disegni e i loro modelli, faranno conoscere l’abbigliamento e la moda del Medioevo.

Laboratori e artisti di strada

A cura della Coldiretti di Salerno, in piazza Sant’Agostino, con doppio orario alle 10.30 ed alle 17, ci saranno i laboratori per i bambini. I più piccoli potranno conoscere i segreti delle farine e degli oli extravergini di oliva, con tutti i processi di produzione e lavorazione e l’intera filiera, fino ad imparare a fare la pasta fresca. Sfilate di artisti di strada con giocolieri, trampolieri, equilibristi, fantasisti, mangiafuoco saranno proposti da Circateatro di Urbino, teatro di strada e di parola che prende le mosse dall'arte dei saltimbanchi e degli artisti girovaghi medievali, proponendo insieme la commedia dell'arte, la giocoleria, l'acrobatica, la clowneria e la danza.

Il mercato di mille anni fa

In Piazza Abate Conforti, ecco il fulcro della vita socio-commerciale del Medioevo: il mercato con merci e mestieri di un tempo, i battimoneta, il lavoro in presa diretta dei cordari, il tornio e la lavorazione dell’argilla, il tombolo macramè, la piccola tessitura, amanuense, la distillazione dei profumi, la sgrezzatura e la filatura della lana, la battitura del rame, il cestaio, la ceramica, le pietre antiche. Gli allievi dell’ITT Basilio Focaccia si cimenteranno nell’estrazione di coloranti naturali e tintura, con tessuti in cotone e lana. Ci saranno poi l’Officina cosmetica ispirata alla Scuola medica Salernitana, la produzione di birre artigianali; il Mercato delle erbe e dei fiori a cura di Coldiretti Salerno.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Acerno ospita la festa della montagna: ecco il programma e il menù

    • da domani
    • Gratis
    • dal 21 al 22 settembre 2019
    • Parco ex colonia montana
  • Visita guidata al Parco Acheologico di Elea Velia: ecco i dettagli

    • dal 2 luglio al 30 settembre 2019
    • Parco archeologico Elea-Velia
  • "Sapori d'autunno": cibo e arte a Felitto

    • Gratis
    • dal 11 al 13 ottobre 2019
    • Centro Storico

I più visti

  • Acerno ospita la festa della montagna: ecco il programma e il menù

    • da domani
    • Gratis
    • dal 21 al 22 settembre 2019
    • Parco ex colonia montana
  • Visita guidata al Parco Acheologico di Elea Velia: ecco i dettagli

    • dal 2 luglio al 30 settembre 2019
    • Parco archeologico Elea-Velia
  • Alla scoperta della Certosa di Padula con la guida Giuseppe Verga

    • dal 12 luglio al 31 dicembre 2019
    • Certosa di San Lorenzo – Padula
  • Salerno, mostra personale di carl t. chew - rcbz - reid wood, identity of artist / marginal active resistances two

    • Gratis
    • dal 25 agosto al 21 novembre 2019
    • Spazio Ophen Virtual Art Gallery
Torna su
SalernoToday è in caricamento