Giornate europee del Patrimonio: ecco tutti gli appuntamenti a Salerno e provincia

Due giorni per scoprire e riscoprire il patrimonio e i beni culturali del nostro paese: da Salerno a Perdifumo, da Padula ad Ascea ecco tutti gli appuntamenti del weekend dedicato ai beni culturali

Necropoli di Nuceria Alfaterna

Sabato 19 e domenica 20 settembre appuntamento con le Giornate Europee del Patrimonio a Salerno e provincia. Due giorni per scoprire e riscoprire il patrimonio e i beni culturali del nostro paese: in Campania saranno organizzati eventi, laboratori, incontri, workshop nei diversi luoghi storico-artistici e architettonici patrimonio della Regione, e anche Salerno con la sua provincia sarà protagonista di questa immersione culturale. Presso il Museo Archeologico Nazionale 'Gli Etruschi di frontiera' di Pontecagnano Faiano si potrà visitare il laboratorio di restauro e ammirare le opere dell'artista Alessandro Mautone reinterpretano i miti e “dialogano” con i reperti archeologici, mentre al Parco archeologico di Elea-Velia si terrà una degustazione di pietanze preparate rispettando le antiche ricette greco-romane, e si potrà scegliere di partecipare alle visite guidate a tema. A Nocera Superiore saranno aperti la necropoli e il teatro ellenistico-romano per permettere ai visitatori di conoscere più da vicino la storia antica della cittadina, a Padula invece sarà possibile accedere al laboratorio allestito nei locali dell'ex deposito dei grani della Certosa di San Lorenzo e visitare di sera i luoghi dedicati al ciclo dell'alimentazione in Certosa.

Protagonisti a Sarno ed Eboli rispettivamente il Museo Archeologico nazionale della Valle del Sarno e il Museo Archeologico Nazionale: da una parte sarà presentata una selezione di materiale archeologico, mai esposto prima, proveniente dalle necropoli della Valle del Sarno, dall'altra si potrà partecipare a un percorso tematico volto a sottolineare lo stretto legame fra cibo e cultura attraverso le testimonianze archeologiche. A Magliano Vetere il Museo Paleontologico del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano organizza delle visite guidate gratuite con laboratorio di microscopia per scoprire i reperti fossili rinvenuti nel territorio, e a Perdifumo la Fondazione Giambattista Vico dedica la giornata alla scoperta della cipolla di Vatolla. A Paestum il Museo Archeologico organizza una visita guidata ai depositi delle pitture funerarie di epoca lucana mai esposte al pubblico con presentazione delle diverse tecniche di restauro che hanno ridonato splendore ai dipinti, la sera sarà possibile prender parte alla conversazione dal tema "A tavola con gli antichi". A Salerno invece, saranno aperti l'Archivio di Stato dove, per l'occasione, sarà presentato il progetto di ricerca "Alimentazione e longevità sulle rive del Mediterraneo", che propone un’indagine storica sul rapporto tra alimentazione, stile di vita e longevità, utilizzando la documentazione conservata in Istituto. Nel corso delle giornate sarà proiettata la presentazione "Cibo e memoria storica", realizzata con le immagini della omonima mostra, mentre il Complesso monumentale S. Pietro a Corte ospiterà gli ultimi lavori di videoarte dell’artista Giuseppe De Marco.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l’occasione il Museo Archeologico Provinciale (ingresso ad 1 euro) ed il FRaC di Baronissi resteranno aperti fino a mezzanotte e l’Associazione Fonderie Culturali proporrà inedite visite guidate, laboratori didattici per bambini, proiezioni cinematografiche e spettacoli musicali per far conoscere a cittadini e turisti il bello dell’arte. In particolare, sabato 19 settembre i visitatori del Museo Archeologico di Via San Benedetto potranno partecipare (ore 21.00 e 22.00) al percorso/spettacolo fatto di musica, danza e teatro sul Mito di Europa e sul suo viaggio da Oriente ad Occidente. L’evento è a cura di Giovanni Ursino, con le coreografie di Nunzia Spinelli e la partecipazione di ASD scuola di danza del Conservatorio Arteballetto di Pompei. Chi sceglierà, invece, il FRaC di Baronissi potrà assistere alla proiezione gratuita ed esclusiva del film di Oeke Hoogendijk “Rijksmuseum – Una nuova casa per Rembrandt” in programma alle ore 21.00 (prenotazione obbligatoria). I visitatori potranno così ammirare l’immenso lavoro di restauro del Rijksmuseum, la collezione d’arte più nota di Amsterdam, durato ben dieci anni. Altrettanti ne ha impiegati il regista per raccontare in modo esclusivo il procedere dell’impresa, accedendo come “unico esterno” tra tanti addetti ai lavori. Domenica 20 settembre sarà il Museo Archeologico di Salerno a trasformarsi in una grande sala cinematografica per ospitare alle ore 18.00 (prenotazione obbligatoria) la proiezione gratuita del film  “Home  – La terra vista dal cielo”, l’ambizioso progetto cinematografico di Yann Arthus-Bertrand.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna lo spettro del Covid-19 a Salerno città, la denuncia del Comitato San Francesco e l'appello di Polichetti

  • Sorpresa in Costiera, "Fratacchione" Fazio in vacanza ad Amalfi

  • Dramma a San Cipriano Picentino, uomo si impicca nel cimitero

  • Covid-19: positiva una dipendente bancaria a Salerno

  • Covid-19 alla gelateria Buonocore, il titolare: "Abbiamo chiuso per tutelare i clienti"

  • Covid-19, altri 7 contagi in Campania: i dati del bollettino

Torna su
SalernoToday è in caricamento