“Erano Giovani e Forti": al via la mostra a Palazzo Pinto, le foto

Commemorare il sacrificio dei militari caduti negli anni della Grande Guerra: questo lo scopo dell'iniziativa che conduce l'osservatore nel centro del campo di battaglia

La mostra - foto di Antonio Capuano

“Erano Giovani e Forti - Salerno e i suoi Figli nella Grande Guerra”: questo il titolo della mostra iniziata ieri, 24 novembre, e visitabile fino al 21 marzo, presso la Pinacoteca di Palazzo Pinto.  L’evento nasce dal sodalizio tra l’Esercito Italiano e il Comitato scientifico Comitato scientifico locale per la commemorazione della I Guerra Mondiale voluto dal Comune di Salerno nel 2014 che vede coinvolti l’Università degli Studi di Salerno- Ogepo, il Miur- Ufficio Scolastico Provinciale, la Provincia di Salerno, la Soprintendenza Archivistica per la Regione Campania, l’Archivio di Stato, l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, la Società di Storia Patria e all’Archivio Diocesano. A fare da Cicerone, gli studenti del Focaccia.

Le informazioni

Commemorare il sacrificio dei militari caduti negli anni della Grande Guerra: questo lo scopo dell'iniziativa che conduce l'osservatore nel centro del campo di battaglia, tra cimeli e documenti di Enti e di privati cittadini. La mostra sarà aperta dalle 9 alle 19.30 tutti i giorni tranne il lunedì, mentre sarà chiusa l’8, il 25 e il 26 dicembre 2017 e il 1 e 6 gennaio 2018. Il 24 e 31 dicembre l'esposizione sarà aperta dalle 9 alle 15.



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente sulla Cilentana, muore anche la 17enne di Albanella

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento