Stagione lirica del Teatro Verdi, il 28 aprile si parte con la Carmen di Bizet

In cartellone anche Don Pasquale, Norma, Turandot e Traviata. Per la prima volta, tre sezioni di masterclass che ogni anno saranno dedicate a strumenti differenti

Teatro Verdi

La stagione lirico-sinfonica del Teatro Verdi di Salerno comincerà il 28 aprile con la Carmen di Bizet. In cartellone anche Don Pasquale, Norma, Turandot e Traviata. Il programma completo degli spettacoli, dei concerti e degli eventi speciali è stato illustrato oggi presso il Salone del Gonfalone del Palazzo di Città, dal Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, dal Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, dal direttore artistico Daniel Oren e dal segretario artistico Antonio Marzullo

Per la prima volta, il Teatro Municipale “Giuseppe Verdi” di Salerno apre le porte anche alla formazione: ospiterà tre sezioni di masterclass che ogni anno saranno dedicate a strumenti differenti. I corsi di alto perfezionamento musicale, completamente gratuiti, quest’anno saranno dedicati a pianoforte, violino e tromba. Vi potranno accedere 8 giovani musicisti, studenti di Conservatorio, professionisti, solisti e concertisti. Oltre agli alunni effettivi, che saranno scelti dalla Direzione artistica, potranno partecipare anche uditori, fino ad esaurimento posti della platea del Teatro. 

 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Teggiano, donna aggredisce il marito a colpi d'ascia: è grave

    • Politica

      Primarie Pd, aperti i seggi a Salerno: ecco dove e come si vota

    • Politica

      Intervista al sindaco di Fisciano Vincenzo Sessa: "Maggio sarà il mese delle opere pubbliche"

    • Cronaca

      Papa Francesco assaggia il vino dei frati francescani di Tramonti

    I più letti della settimana

    • Al via la Fiera del Crocifisso Ritrovato, la magia del medioevo conquista i salernitani

    • "Sogno e realtà": charme in passerella a Maiori

      Torna su
      SalernoToday è in caricamento