Storie e leggende di Pericle e Cassiopea in scena a Paestum

  • Dove
    Tempio di Nettuno - Paestum
    Indirizzo non disponibile
    Capaccio
  • Quando
    Dal 07/08/2015 al 09/08/2015
    21.30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Venerdì 7 e domenica 9 agosto due miti rivivono all'ombra dei Templi di Paestum. Nell'ambito della rassegna teatrale "Dal mito a più infinito", la compagnia dell'Accademia Magna Graecia tornerà a incantare il pubblico del Tempio di Nettuno mettendo in scena “Le lacrime di Pericle”, nato da un’idea di Marina Cipriani del Museo Archeologico Nazionale di Paestum e scritto, diretto e interpretato da Sarah Falanga. Pericle è tra gli eroi che hanno combattuto le battaglie più dure e vinto i nemici più agguerriti, e il pianto non sarebbe concesso a un eroe, ma questo Pericle non teme di mostrarsi in lacrime perché nelle sue lacrime risiede il germe di una passione indomabile, e solo chi ha la forza di non nascondere le proprie debolezze può vincere la paura della propria mortalità. Domenica 9 , invece, rivivrà “Il mito di Cassiopea”: nel millenario scenario della valle dei templi, viene narrata la storia della bella e vanitosa regina che, a causa della sua superbia e invidia, fu trasformata in una costellazione, condannata a girare per sempre intorno al polo celeste. In scena oltre a Sarah Falanga e Christian Mirone, si esibiranno Laura Zaccaria, Rodolfo Medina, Rita Laforgia, Elisa Panfili, Vincenzo Greco, Simonetta Celentano, Paolo Mellone, Fabiola Forlenza, Giusy Paolillo, Bruna Di Dato, Damiano Agresti e Marco Gallotti, con le luci di Mirone, le coreografie di Zaccaria e le scene di Giuseppe Zarbo. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Locus solus a Nocera Inferiore

    • Gratis
    • dal 20 dicembre 2019 al 30 gennaio 2020
    • Fedele Studio
  • "Years of denial live" arriva al Max Club di Salerno

    • dal 7 al 8 febbraio 2020
    • Max Club Live
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento