Oliveto Citra, taglio del nastro per la prima eco scuola

La progettazione e la realizzazione dell’eco scuola sono ispirate alla certificazione LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), nel rispetto del protocollo ITACA, analizzando, dunque, il livello di sostenibilità energetico-ambientale

Verrà inaugurata il 10 settembre alle ore 9:30, in località Crosca di Oliveto Citra, la prima eco scuola. L’intervento, co-finanziato dall’Unione Europea con il POR Campania FESR 2007/2013, rientra nell’ambito delle politiche di sviluppo urbanistico ed ambientale che ha previsto una serie di interventi finalizzati al miglioramento della qualità della vita, quindi al potenziamento dell’offerta dei servizi di supporto alla collettività. La progettazione e la realizzazione dell’eco scuola sono ispirate alla certificazione LEED (Leadership in Energy and Environmental Design), nel rispetto del protocollo ITACA, analizzando, dunque, il livello di sostenibilità energetico-ambientale dell’edificio. Tale approccio ha portato all’utilizzo di materiali a basso impatto ambientale, allo sfruttamento dell’energia solare sia per la produzione di corrente elettrica, che per l’illuminazione e il riscaldamento delle aule, il raggiungimento della massima prestazione energetica minimizzando le emissioni in atmosfera, la realizzazione della massima prestazione acustica ed il miglior comfort ambientale all’interno delle aule e il miglioramento del comportamento sismo-resistente dell’opera, al fine di garantire un alto livello di sicurezza.

Entusiasta il sindaco Carmine Pignata: "L’inaugurazione della nostra eco scuola ha un duplice significato, il primo è che una scuola che si aggiunge da dignità ai bambini che sono il nostro futuro. Migliorando la struttura, - ha detto il sindaco - anche la didattica e percorso formativo e pedagogico migliorano. L’altro significato è che si tratta di una scuola tecnologicamente avanzata, energeticamente autonoma, che usa la geotermia, il recupero dell’acqua piovana e questo è sinonimo di una modernità che credo oggi non abbia eguali in Campania. Tutto questo accade in un momento in cui investire sulla cultura e sul sapere può sembrare anacronistico, ma siamo convinti che investire sulla cultura è investire sul nostro futuro  l’inaugurazione dell’eco scuola è, in questo momento, anche un messaggio di speranza per le popolazioni del Centro Italia. Anche noi abbiamo vissuto il periodo del dopo terremoto durante il quale sembrava che tutto fosse smarrito e che non ci fosse più speranza. Una scuola nuova inaugurata in un paese colpito dal terremoto del 1980 è un messaggio per loro, per dire che  è possibile farcela, soprattutto grazie alla la solidarietà di tutti", ha concluso il primo cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con l'auto in litoranea a Pontecagnano: muore 47enne

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

  • Slitta, pista e renne al San Marzano Christmas Village: attrazioni per i bambini

Torna su
SalernoToday è in caricamento