Eboli, aggressione capotreno: Cirielli presenta un'interrogazione

Il deputato salernitano di Fdi-An scrive al Governo Renzi: "Nonostante la violenza dimostrata e la flagranza di reato, i tre aggressori sono stati messi agli arresti domiciliari"

La stazione di Eboli

“Presenterò un’interrogazione parlamentare in merito all’aggressione al capotreno di un convoglio fermo alla stazione ferroviaria di Eboli, da parte di tre nigeriani, avvenuta nei giorni scorsi”. Lo annuncia Edmondo Cirielli, deputato salernitano di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, che spiega: “Un episodio grave su cui il governo deve far piena luce. Nonostante, infatti, la violenza dimostrata e la flagranza di reato, i tre aggressori sono stati messi agli arresti domiciliari, peraltro nel centro di accoglienza Park Hotel di Sicignano degli Alburni, dove risiedono, essendo richiedenti asilo. Tutto ciò creando allarme e non poca preoccupazione tra la popolazione per la loro evidente pericolosità sociale”. “Il governo intervenga – conclude Cirielli – anche per risolvere il problema sicurezza dello scalo ferroviario cittadino, senza personale e senza un posto di polizia, e che di sera diventa particolarmente pericoloso”. 
 

Potrebbe interessarti

  • "Aiuto, abbiamo la casa invasa da serpenti": incubo per una famiglia di Teggiano

  • Battipaglia, serpente a spasso in via De Amicis: l'appello

  • Deve rinnovare la carta d'identità: l'ufficio che dovrebbe essere aperto è chiuso, la denuncia di una lettrice

  • Mare sporco a Salerno: denunce e proteste dei cittadini

I più letti della settimana

  • Incidente a Giovi: auto finisce in un precipizio, 4 feriti gravi. Scannapieco in pericolo di vita

  • Lutto a Salerno, morto il medico-pediatra Luca Budetta

  • Tragedia in Costiera Amalfitana: uomo si impicca a Vettica

  • Colto da malore appena arriva in azienda: morto 49enne ad Atena Lucana

  • Diagnosticato il linfoma di hodgkin all'arcivescovo emerito Moretti: "Mi sento in un mare di preghiere"

  • "Aiuto, abbiamo la casa invasa da serpenti": incubo per una famiglia di Teggiano

Torna su
SalernoToday è in caricamento