Baronissi, salta il consiglio comunale: Pasquile contro i consiglieri assenti

Il vice presidente dell'assise municipale va all'attacco: "E' stato negato ad una nostra concittadina, Maria Chiara Barrella, di poter ricoprire il ruolo di consigliere comunale che le spetta di diritto"

Il vice presidente Pasquile con il sindaco Gianfranco Valiante

Esplode la polemica politica a Baronissi dove la crisi politica che si aperta all’interno della maggioranza di centrosinistra che sostiene il sindaco Gianfranco Valiante. Dopo l’annullamento del consiglio comunale di ieri, per mancanza del numero legale, e con il passaggio all’opposizione di altri due consiglieri, interviene a gamba tesa il vice presidente del consiglio Giuseppe Pasquile che tuona: “È fin troppo facile affermare Non c'è più la maggioranza politica in consiglio Comunale a Baronissi” così come è stato riportato sulle testate giornalistiche e sui social in queste ore. Intendiamo affermare invece, con convinzione, che non esiste più la democrazia nel luogo deputato ad essere il più democratico della nostra Baronissi, ovvero il Consiglio comunale”.

L’attacco

Il caos regna sovrano. Per questo Pasquile punta il dito contro ciò che è accaduto nella serata di ieri: “Il nostro ruolo di vice presidente dell'assise irnina ci impone una riflessione istituzionale sulle vicende avvenute giovedì 10 gennaio, che hanno interessato la giunta del Comune di Baronissi.  Ieri pomeriggio, in aula consiliare, è stato negato ad una nostra concittadina, Maria Chiara Barrella, di poter ricoprire il ruolo di consigliere comunale che le spetta di diritto. Diritto che il popolo di Baronissi ha conferito a tutti noi consiglieri nel 2014, all'alba delle nuove elezioni amministrative – prosegue Pasquile – diritto negato da alcuni miei colleghi consiglieri che non hanno voluto presenziare neanche al primo punto all'ordine del giorno riportato nella convocazione del Consiglio Comunale. Diritto di cui alcuni consiglieri hanno goduto  nel corso di questa consiliatura perché in persona hanno usufruito di quella che per loro è stata una possibilità, ma che con questa assenza voluta dai banchi consiliari, per Maria Chiara Barrella ha rappresentato un diniego”.

Calpestati, quindi, la democrazia e il volere del popolo, secondo Pasquile, che insiste: “Non partecipare ad un consiglio comunale per fare opposizione, per mettere in difficoltà l'amministrazione, perché si è in disaccordo sulle scelte politiche-amministrative è possibile e fa parte dei ruoli, previsto dalla Costituzione e quindi dalla democrazia. Non partecipare, non presentarsi, non entrare in Aula Consiliare per bloccare una surroga e quindi l'avvento in consiglio di un altro collega è un comportamento anti-democratico, egoistico e stucchevole. Noi Consiglieri Comunali siamo stati scelti dal popolo e dobbiamo rendere conto al popolo per quello che facciamo o non facciamo: non crediamo che l'ostruzionismo - strumento garantito  e consentito dalla Costituzione - debba essere compiuto in tali occasioni di espressione democratica del popolo”.

Poi lancia una provocazione:”Vorremmo conoscere il pensiero dei colleghi che non hanno volontariamente partecipato all'assise di ieri se le parti fossero state invertite l'unico strumento a disposizione è stato il non far raggiungere il numero legale per non far entrare in quella stessa assise un nuovo collega.  A nostro avviso si tratta semplicemente di pochezza di idee, scarso senso democratico ed assenza di argomentazioni. La dialettica, il dibattito, le vedute opposte sono il sale della democrazia e lo avremmo capito se l’argomento in discussione - il primo all'ordine del giorno - fosse stato di tipo politico e/o amministrativo; non è concepibile, invece, negare il diritto di sedersi sugli scranni di qualsiasi assise democratica conclude Pasquile.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Dramma a Fisciano, rinvenuto il cadavere carbonizzato di una donna

  • Cronaca

    Genitori, fratellastro e cognata abusavano di una minore: in manette "la famiglia degli orrori", 4 arresti

  • Cronaca

    "Trattati come schiavi", lo sfogo dei dipendenti nell'indagine sul lavoro nei market dell'Agro

  • Politica

    Sanità, l'annuncio di De Luca: "Assumiamo 7600 dipendenti nelle Asl"

I più letti della settimana

  • Dipendenti minacciati sotto estorsione, arrestato ex colonnello di Nocera

  • "Trattati come schiavi", lo sfogo dei dipendenti nell'indagine sul lavoro nei market dell'Agro

  • Nocera Inferiore, Corona non si presenta al ristorante: scatta la segnalazione

  • Nocera Superiore, va in ospedale e scopre che il suo feto è morto: scatta la denuncia

  • "Ladri bulgari a Scafati", il raid di fuoco ordinato dal clan per proteggere le famiglie

  • Incidente a Casal Velino, auto contro muro: muore una 21enne

Torna su
SalernoToday è in caricamento