De Luca: "Rimuovere le anime morte dal partito democratico"

Il sindaco di Salerno ha lanciato una dura sferzata al Pd in occasione della direzione nazionale del partito, auspicando che il partito si radichi maggiormente nei territori. Critiche a Gianfranco Fini

Il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, in occasione della direzione nazionale del Pd, non ha risparmiato una dura sferzata al partito. "Vi è oggi il clima di serenità per affrontare i problemi ineludibili di riorganizzazione del partito" ha dichiarato il sindaco di Salerno, che è passato quindi all'attacco, scuotendo i democratici ed incitandoli al rinnovamento: "E' indispensabile un raccordo produttivo dei livelli parlamentari e nazionali con i problemi concreti del territorio.

E' necessario rimuovere forme di correntismo e di balcanizzazione del partito che nel Sud si intrecciano con la crisi sociale. Occorre rimuovere da funzioni dirigenti nazionali le tante anime morte che non rappresentano nulla, che sono un lusso che non ci si può più consentire. Occorrono dirigenti radicati pienamente nei territori se vogliamo che il partito sia adeguato alla fase che si apre e sia in grado di suscitare gli entusiasmi collettivi necessari per vincere le nuove sfide".

Vincenzo De Luca ha anche parlato del dato elettorale delle precedenti amministrative, che ha visto nel complesso una sonora sconfitta delle forze di centro destra ma che, a Milano e a Napoli, ha visto trionfare due candidati appoggiati sì dal partito democratico (anche se nel caso di Luigi De Magistris solamente al ballottaggio) ma esterni ad esso: "Si dovrà ragionare a trecentosessanta gradi - ha detto - rivolgendosi alle forze dell'attuale centrosinistra, ma anche a forze di centro e ad aree moderate che sono in movimento.

L'importante è darsi un programma chiaro di governo di segno riformista da acquisire come base ineludibile per un'alternativa. Va pretesa coerenza dalla sinistra radicale e vanno eliminate forme di doppiezza nel rapporto con il cosiddetto Terzo Polo. Non possiamo più tacere, per esempio, come accaduto quest'anno, sull'uso fazioso da parte di Fini della terza carica dello Stato: è grave e inaccettabile".

 

 

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente a Baronissi: morto un 21enne, un arresto per guida in stato di ebbrezza

  • Agropoli, rubata la salma di Pasquale Picariello: familiari sotto choc

  • Incidente mortale a Baronissi, il ragazzo che guidava interrogato dal gip: "Non ricordo nulla"

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Delitto di Baronissi, l'imputato "cosciente ma con disturbi della personalità"

  • Morte di Melissa La Rocca, le parole della sua prof a una settimana dalla tragedia

Torna su
SalernoToday è in caricamento