"La cittadinanza non si regala": gazebo di Fratelli d'Italia contro la Legge Boldrini

La portavoce Criscuolo: "Il governo rosso giallo pensa di poter regalare la cittadinanza agli stranieri senza alcuna distinzione, solo al fine di crearsi nuovi elettori, perché sanno che ormai gli italiani non li vogliono e non li votano"

Il gazebo allestito a Salerno

Nel corso del weekend il coordinamento cittadino di Fratelli d’Italia guidato dal portavoce Elena Criscuolo ha allestito un gazebo in via Velia per la raccolta delle firme contro la legge Boldrini (il cosiddetto Ius Soli) perché “la cittadinanza non va regalata ma va meritata”. Per Criscuolo “il governo rosso giallo, uno dei governi più a sinistra della storia, pensa di poter regalare la cittadinanza agli stranieri senza alcuna distinzione, solo al fine di crearsi nuovi elettori, perché sanno che ormai gli italiani non li vogliono e non li votano. Forte è stata l’affluenza dei cittadini che hanno così dimostrato di non voler distruggere la nostra identità, la nostra italianità”.

La curiosità

Al gazebo allestito nel centro del capoluogo, oltre a militanti e semplici elettori, hanno fatto capolino anche il senatore Antonio Iannone, la portavoce provinciale Imma Vietri, il responsabile regionale del Dipartimento per la Ricerca e l’Università Gherardo Mareghi e diversi dirigenti del partito. Altri gazebo sono stati allestiti ad Angri, Battipaglia, Contursi Terme, Pagani, Sarno e Eboli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di casa e sparisce nel nulla: imprenditore trovato morto a Colliano

  • Sta per aprire "Mizzica": degustazioni siciliane nel centro di Salerno

  • Pioggia di multe per i clienti dei negozi a Scafati: scoppia la rivolta dei commercianti

  • Uccisa e abbandonata a Salerno, 18 anni di carcere per l'assassino di Mariana

  • Presunto ufo a Capaccio Paestum: lo scatto attenzionato dagli esperti

  • "E' il tuo turno? Non mi interessa: ti ricevo dopo": sgarbo e razzismo all'Asl di San Severino

Torna su
SalernoToday è in caricamento