homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Termovalorizzatore Salerno, Cirielli: "Pronti a chiedere il commissario"

Il presidente della provincia di Salerno si scaglia contro il sindaco Vincenzo De Luca e dice di essere pronto a chiedere la nomina di un commissario straordinario

In una intervista alla web tv della provincia di Salerno il presidente Edmondo Cirielli si é espresso a proposito della questione del termovalorizzatore. "La provincia di Salerno - ha dichiarato Edmondo Cirielli - é pronta a chiedere la nomina di un commissario per la realizzazione del termovalorizzatore nel capoluogo, questo perché avrebbe esaurito il suo compito".

Un percorso, quello per la realizzazione del termovalorizzatore, "lungo e con tanti ostacoli", come riferito dallo stesso presidente della provincia, che ha aggiunto: “Innanzitutto un governo, anche quello Berlusconi, molto confuso, per colpa dell’ex ministro dell’ambiente, dell’ex ministro Maroni, senza dimenticare il fallimento della gestione De Luca. Poi un anno perso per i ritardi della prefettura di Milano che ha dato un parere positivo sull’informativa, ma assai dubbio e non chiaro come ci si aspetta da un ente dello Stato”.

Il presidente della provincia continua a sostenere alacremente la realizzazione del termovalorizzatore: "E' un’opera importante, non dimentichiamo che a Napoli il governo ha speso 300 milioni di Euro, mentre a Salerno e’ stata fatta una gara in project financing. C’è stato un disinteresse totale, tranne del presidente Caldoro che insieme con l’assessore Romano ha seguito la vicenda, credo sia giusto che la provincia affidi ad un commissario che abbia gli strumenti urbanistici ed ambientali per procedere celermente. Altrimenti rischiamo prima o poi un’altra emergenza".

Cirielli vuole il commissario ed illustra i costi del trasferimento di rifiuti fuori provincia: "Oggi abbiamo gia’ un’altra emergenza finanziaria, perche’ portiamo i nostri rifiuti a Taranto e ciò costa 1 milione di Euro al mese, quindi 12 milioni di Euro all’anno buttati dalla finestra, per colpa, e lo dico senza peli sulla lingua - è l'accusa di Cirielli - di De Luca che non ha saputo fare il termovalorizzatore. Abbiamo bisogno di celerità su questa scelta, anche perché c’é il rischio di un’emergenza ambientale. Il termovalorizzatore è necessario, non ho preclusioni o gelosie, chiederò pertanto al presidente Caldoro di affidare la prosecuzione dei lavori ad un commissario straordinario, un magistrato, un prefetto o un professore universitario”.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Si schianta con lo scooter facendo un volo di 15 metri: grave 20enne

    • Cronaca

      Baronissi, trovato il cadavere di un 50enne nei pressi di un terreno

    • Incidenti stradali

      Incidente sulla statale Amalfitana: moto contro bus, muore un 54enne

    • Cronaca

      Rissa sul bus diretto a Battipaglia, minore finisce in ospedale

    I più letti della settimana

    • A Sala Consilina arriva il comandante dei carabinieri più giovane d'Italia

    • Giovanni Romano si è dimesso da sindaco di Mercato San Severino

    • Giro di nomine nelle chiese salernitane: ecco i nuovi parroci

    • Vuole suicidarsi in via Baratta, la Polizia Municipale salva una giovane

    • Torna il maltempo in Campania: l'allerta della Protezione Civile

    • Facoltà di Medicina, sospetti sugli esami di "Anatomia": c'è l'inchiesta

    Torna su
    SalernoToday è in caricamento