Il Parco Fotovoltaico cambia ancora gestore, Lambiase: "Il Comune non ci guadagna nulla"

Il consigliere comunale di opposizione torna ad incalzare l'amministrazione comunale di Salerno affinchè rinegozi il contratto con la società che gestisce l'impianto situato in località Monte di Eboli

Il parco fotovoltaico di Monti di Eboli è pronto a cambiare nuovamente gestore. A segnalarlo è il consigliere comunale di Salerno di Tutti, Gianpaolo Lambiase, che cita la notizia riportata da DealReporter: “Terra Firma si prepara a vendere Rtr Rete Rinnovabile, leader europeo nella produzione di energia rinnovabile da impianti fotovoltaici per potenza installata, con circa 334 MWp complessivi, distribuiti in 130 impianti in tutta Italia” precisando che “che il fondo di private equity paneuropeo ha appena dato il mandato di advisory a una banca internazionale. Il valore dell’operazione potrebbe essere superiore al miliardo di euro”.

Di qui la denuncia dell’ex candidato sindaco della sinistra: “L’Amministrazione, di fronte a tale scenario inquietante, non prende decisioni. Anzi gli Uffici comunali pongono ancora un quesito: un’eventuale rinegoziazione del contratto a favore del Comune è giuridicamente possibile in ipotesi di extraprofitto solo se dovesse essere accertata una redditività dell’impianto in fase di esercizio superiore a quella previsionale concessa al Comune al termine della gara. I guadagni sulla compravendita degli impianti e la enorme somma già incassata per la produzione di energia non sono extraprofitti accertati ad esclusivo vantaggio dei privati? Per quanto tempo ancora dobbiamo veder sfumare un introito certo per le casse comunali, che potrebbe contribuire a ridurre le “pesanti” tasse locali?” 

Per questo l’esponente di opposizione chiede alla Giunta del sindaco Enzo Napoli di rinegoziare il contratto con la società che attualmente gestisce il parco fotovoltaico. “Il Comune di Salerno è trattato da cenerentola! Ha attivato una iniziativa sicuramente positiva, una grande opera realizzata in partenariato pubblico-privato, dalla quale però raccoglie briciole a fronte di un ritorno economico elevatissimo (e non previsto) da parte del gestore privato. Pochi conoscono le potenzialità del Parco Fotovoltaico di Monte di Eboli realizzato dal Comune di Salerno su suolo di sua proprietà in territorio ebolitano. La quantità di energia che può produrre ogni anno (pari a 33.000 MWh) è tale da azzerare i costi di consumo dell’intera rete cittadina di pubblica illuminazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lambiase ricorda che il canone annuo offerto di 3,5 milioni di euro dalla Toto Costruzioni, la ditta che vinse l’appalto, venne rinegoziato e concordato al ribasso (1.194.000 euro) prima del completamento dell’opera  (causa riduzione delle tariffe incentivanti dello Stato). “Costruito dalla Toto Holding, è costato 72 milioni di euro. Entra in funzione nel maggio 2011 e viene gestito dalla Monteboli Spa (società controllata dalla stessa Toto). Dopo appena un anno, Toto vende l’impianto al Gruppo Rtr per 90 milioni di euro. Una bella cifra guadagnata da un privato su un’opera pubblica promossa dal Comune”.  Ma chi è il Rtr? “Nato nel 2011, il Gruppo Rtr è posseduto al 100% dal fondo private equity Terra Firma con sede legale in un territorio “ a regime fiscale agevolato”. E’ di fatto una società straniera, che risulta tra i maggiori beneficiari del Conto Energia per il fotovoltaico: solo nell’anno 2014 lo Stato Italiano ha versato a Rtr (Terra Firma) circa 140 milioni di euro per gli impianti acquisiti e gestiti sul territorio nazionale”. Per il consigliere, infine, l’impianto di Monte di Eboli  “ha fruttato alle società che ne hanno curato la gestione, in cinque anni, una cifra che è molto vicina alla somma impegnata per la realizzazione delle opere. Dalla fine del 2011 al 2016  i privati hanno incassato, tra incentivi statali e la vendita di energia prodotta, oltre 60 milioni di euro! Il Comune ha ricevuto una royalty per lo stesso periodo paragonabile ad una piccola mancia: circa 5 milioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

Torna su
SalernoToday è in caricamento