Sanità, volano gli stracci tra De Luca e Grillo sul commissariamento

Il ministro ribadisce la sua posizione: "In Parlamento abbiamo votato una legge che prevede l’incompatibilità tra la carica di presidente di Regione e quella di commissario". Il governatore: "Dice solo palle"

De Luca

Nuovo scontro a distanza tra il ministro Giulia Grillo e il governatore Enzo De Luca. Al centro della polemica la decisione dell’esponente del Movimento Cinque Stelle di nominare un nuovo commissario per la sanità in Campania. Attualmente a ricoprire tale incarico è il presidente della Regione.

Il botta e risposta

Il ministro del Governo Conte ribadisce: “In Parlamento abbiamo votato una legge che prevede l’incompatibilità tra la carica di presidente di Regione e quella di commissario. Non è una legge facoltativa, va applicata”. Poi la Grillo precisa che a decidere sul mantenimento del commissariamento “non è la politica, non è un ministro o un viceministro a farlo, ma le verifiche fatte ai tavoli di monitoraggio” sui dati dei Lea.

Non tarda ad arrivare la dura replica di De Luca: “Sulla sanità la nostra pazienza è arrivata alla fine. Il solo fatto che il governo continui a parlare di commissariamento è un danno per la Campania. Invitiamo tutti - aggiunge - a fare le persone corrette e a non confondere il governo nazionale con la piattaforma Rousseau e con i tweet. Le palle sono le palle, il governo è una cosa seria”.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia all'Università di Fisciano: giovane precipita dal parcheggio multipiano e muore

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Suicidio all'Unisa, il cordoglio di Loia: in arrivo tre psicologi per gli studenti

  • Gelo a Ricigliano, il parroco ai fedeli: "Celebro la messa a casa vostra"

  • Contursi Terme piange Mumù, il sindaco dei cani

Torna su
SalernoToday è in caricamento