Sciolto il Comune di Scafati per infiltrazioni camorristiche: la decisione di Minniti

Lo scorso dicembre, il sindaco Pasquale Aliberti decise di dimettersi dopo una richiesta di arresto da parte del Tribunale del Riesame

Il Comune di Scafati è stato sciolto per infiltrazioni camorristiche: lo ha stabilito questa mattina il Consiglio dei Ministri. Doccia fredda per il consiglio comunale, dopo la proposta del Ministro dell’Interno Marco Minniti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo scorso dicembre, il sindaco Pasquale Aliberti decise di dimettersi dopo una richiesta di arresto da parte del Tribunale del Riesame: la pesante accusa per lui era di voto di scambio politico mafioso con il clan locale dei “Ridosso”. Attualmente a capo del Comune scafatese, c’è il commissario prefettizio Saladino che dovrà lasciare il posto alla commissione d’accesso. Si attende.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Va in Brasile per far visita alla figlia e non riesce più a tornare: l'appello di un salernitano alle istituzioni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • Incidente a Pontecagnano, morte cerebrale per il 37enne

  • "C'è una bomba a Fratte": strade chiuse al traffico e artificieri all'opera, ma è un falso allarme

  • De Luca ospite di Gramellini su Rai 3: dalla Campania sicura, ai "raddrizzatori di banane"

Torna su
SalernoToday è in caricamento