La piccola Lua può andare a scuola: inaugurata l'aula multisensoriale

La bambina, affetta dalla sindrome di Rett, potrà tranquillamente recarsi nell'istituto scolastico di Viscigliete come gli altri coetanei

Finalmente la piccola Lua, affetta dalla sindrome di Rett, potrà recarsi a scuola come tutti gli altri bambini. Ieri, infatti, è stata inaugurata la prima aula multisensoriale all’interno dell’istituto comprensivo di Viscigliete.

La patologia

La sindrome di Rett - riporta l'Osservatorio delle Malattie Rare - è una rara patologia neurologica dello sviluppo, che colpisce prevalentemente soggetti di sesso femminile. La malattia congenita interessa il sistema nervoso centrale, ed è una delle cause più diffuse di grave o gravissimo deficit cognitivo. Si manifesta generalmente dopo i primi 6-18 mesi di vita, con la perdita della motricità, delle capacità manuali, dell’interesse all’interazione sociale. L’incidenza della malattia tra le ragazze di 12 anni è stimata di 1 su 9.000; nella popolazione generale la stima si abbassa a 1 soggetto su 30.000. La diagnosi di RTT è spesso confusa con quella di autismo o generico ritardo dello sviluppo.

I partecipanti

Presenti al taglio del nastro il sindaco Francesco Cavallone, che fin ha subito ha preso a cuore la problematica della piccola, l’assessore comunale alla scuola Michele Galiano e tutti i consiglieri comunali. Nel corso dell’evento è stato proiettato un toccante video realizzato dai fratelli Rosciano sulla storia di Lua.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Suicidio a Salerno, uomo trovato morto in strada: si indaga

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento