Coronavirus, un salernitano in Cina: la testimonianza di Francesco Musto

Il giovane business manager: "Non sono personalmente preoccupatissimo perchè la mortalità di questo virus è estemamente bassa per cui, in fondo, la pericolosità non è poi tanto diversa rispetto ad un normale virus influenzale"

Francesco Musto

C'è anche un salernitano, Francesco Musto, in Cina, precisamente ad Hong Kong, impegnato come Regional Business Manager alla Timex, azienda di orologi Guess e GC che si occupa anche di esportazioni in Thailandia, Filippine, India, Australia e Sri Lanka. Il giovane business manager che si è trovato nel bel mezzo dell'emergenza Coronavirus, dunque, ci ha raccontato il clima che si respira a Hong Kong: "La vita è cambiata per tutti in questo periodo, per certi aspetti quotidiani - ha spiegato Musto - Facciamo più attenzione ad evitare posti molto affollati e, quando siamo costretti a viaggiare su mezzi pubblici, indossiamo le mascherine. Inoltre, laviamo spesso le mani e trascorriamo molto piu tempo in casa, anche perchè, da qualche settimana, gli uffici hanno dato a tutti i dipendenti la possibilità di lavorare tra le mura domestiche".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La testimonianza

Il salernitano ci ha spiegato che la preoccupazione è aumentata per via del Capodanno Cinese: "Durante il Capodanno hanno piu o meno tutti una settimana di ferie ed è stato il momento in cui molti abitanti di HK hanno viaggiato per far visite alle proprie famiglie, con tutti i possibili contatti e rischi del caso. Ad ogni modo, non sono personalmente preoccupatissimo perchè la mortalità di questo virus è estemamente bassa per cui, in fondo, la pericolosità non è poi tanto diversa rispetto ad un normale virus influenzale. Tuttavia la probabilità di contagio più alta ci porta a prendere precauzioni e a prestare attenzione in tal senso, ovviamente. Le persone, intanto, qui sono estremamente allarmiste, probabilmente a seguito dell'esperienza della Sars", ha concluso il salernitano che ha in programma di rientrare a Salerno per Natale. In tanti, i cittadini che si sono informati sulle sue condizioni di salute di "italiano in Cina": tutti, dunque, hanno potuto tirare un sospiro di sollievo, percependo tranquillità da parte del manager che, a differenza di altri, non sembra essersi lasciato prendere dal panico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Suicidio a Salerno, si lancia dalla finestra e muore sull'asfalto

  • "Alimenti scaduti nel mio pacco": il direttore del Banco Alimentare risponde alla mamma di Pontecagnano

  • Coronavirus: 1° contagio a San Mango e nuovo caso a San Severino, i nomi dei pazienti

  • Covid-19: muore una salernitana, 341 contagi in provincia. Primario in via di miglioramento

  • Coronavirus a Cava de' Tirreni, morto luogotenente dei carabinieri

  • Coronavirus in Campania, i casi positivi salgono a 2231: i dati

Torna su
SalernoToday è in caricamento