Cinema, da Giffoni le sale raccontano la nostalgia per il pubblico

Il cinema dà voce ai suoi pensieri. Con lo spettacolo, quella è un’emozione che viene dopo. Da Giffoni, che da 50 anni ha unito milioni di pubblici diversi, parte una dichiarazione d’amore per l’esperienza cinematografica

Il cinema dà voce ai suoi pensieri. Sì, proprio il cinema con le sue sale. Non lo spettacolo, quella è un’emozione che viene dopo. Da Giffoni, che da 50 anni ha unito milioni di pubblici diversi, parte una dichiarazione d’amore per l’esperienza cinematografica.

La nostalgia

In questo suggestivo video, dalle atmosfere fantascientifiche retrò, sono le sale vuote a parlare. Una luce multicolore chiama nell’oscurità e aspetta paziente, nel nascondiglio dell’immaginazione, il ritorno degli spettatori. Gli spazi vuoti, le poltrone al buio, gli schermi bianchi. L’essenza del cinema, come un’entità fatta di luce, si manifesta e pensa a voce alta. Ricorda, fantastica e si emoziona ripensando ai giorni meravigliosi condivisi con gli spettatori durante la proiezione. Vedendolo, ripensiamo al vociare all’ingresso per il biglietto, la fila, quella porta che dà su quella sala, grande o piccola che sia, magari con le poltrone non proprio confortevoli, ma fa niente. La luce che pian piano si fa sempre più fioca, il rumore che sparisce fino a diventare buio, quel buio che illumina le menti oltre che lo schermo. Le sale cinematografiche chiuse per tanto tempo, diventano tristi. Le locandine, ingiallite dal sole, nelle vetrine sono quelle del febbraio 2020. Siamo tutti in attesa che questo inquietante fermo-fotogramma si sblocchi, che riparta il movimento, che riprenda la vita dentro le sale. Il cinema ci manca. La visione dei film, vissuta con lo sconosciuto accanto è un vuoto incolmabile. È insostituibile. In sala, al buio, si crea una fratellanza, un sentire comune, che in nessun altro luogo prende forma. Un magico collante emozionale attraverso il quale tutti ridiamo, soffriamo, piangiamo, ci innamoriamo. “Tornerete molto presto, tutti insieme, io vi aspetto qui. Ho così tante storie da raccontare!”. La voce di Giffoni lo promette perché la sala resta la vera casa dei nostri film, delle nostre storie e dei sogni, in attesa di riaprire le sue porte il prossimo 15 giugno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

  • Mare con schiuma gialla e meduse morte tra Pontecagnano e Battipaglia

Torna su
SalernoToday è in caricamento