Fonderie Pisano: De Magistris a sostegno della campagna #stopfonderiepisano

Il comitato: "Con questo gesto simbolico ha espresso tutta la sua solidarietà alla popolazione di Salerno, Baronissi, Pellezzano e anche agli stessi lavoratori, che, come abbiamo sempre detto, sono l’altra faccia della stessa medaglia"

Anche Luigi De Magistris, sindaco della Città Metropolitana di Napoli e leader di Dema ha deciso di sostenere la campagna Fonderie Pisano stai uccidendo la nostra aria #stopfonderiapisano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le motivazioni

"De Magistris, dopo aver partecipato ad un convegno sull'ambiente organizzato a Salerno nei mesi scorsi e dopo aver analizzato il dossier fornito dal comitato Associazione Salute e Vita, dove si raccontano e si elencano con documenti allegati tutto ciò che stiamo subendo da decenni, dall'avvelenamento dell'aria al pericolo esiziale certificato nel 2018 dall’ARPAC, ha deciso di fornirci il suo sostegno - hanno spiegato da Salute e Vita - Con questo gesto simbolico ha espresso tutta la sua solidarietà alla popolazione di Salerno, Baronissi, Pellezzano e anche agli stessi lavoratori, che, come abbiamo sempre detto, sono l’altra faccia della stessa medaglia, vittime come i cittadini di questa paradossale situazione che vede uno stabilimento incompatibile con il contesto urbano dove insiste e che dal del 2015 ha messo in pericolo l'aria che respiriamo, l'ambiente e la vita delle persone. Per questo ribadiamo che è necessario che lo stabilimento venga immediatamente fermato. Se realmente poi c'è la volontà della proprietà di delocalizzare garantendo il livello occupazionale l'eventuale scelta deve essere accompagnato dalle Istituzioni. Il nostro comitato - hanno concluso - difenderà sempre la vita e la salute dei cittadini e dei lavoratori, ma c'è una sola certezza in questa vicenda scandalosa, che vede le istituzioni troppo spesso silenti e in alcuni casi complici, ed è che lo stabilimento di Fratte va immediatamente fermato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • "Non mi dai da bere? Ti accoltello": un arresto a Torrione, beccato anche uno spacciatore

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

Torna su
SalernoToday è in caricamento