Brescia-Salernitana, gemellaggio ultras: le formazioni ufficiali, giocano Rosina, Jallow e Djuric

Reduce dalla vittoria casalinga con il Cittadella e scortata da circa duecento tifosi, la Salernitana si presenta al cospetto della capolista con il suo centravanti ritrovato e con il trequartista calabrese a sostegno. E' stato rinnovato il gemellaggio ultras: birra, panino, salamina

Milan Djuric, fotoreporter Gugllielmo Gambardella

Stima, gemellaggio ultras: l'amicizia tra salernitani e bresciani nacque dopo la tragica morte di Roberto Bani, ultras lombardo che il 4 maggio 1997, morì dopo aver battuto la testa sugli spalti, in seguito ad una rovinosa caduta. La solidarietà granata fu apprezzata dai tifosi delle "rondinelle" e divenne stima tra curve. Negli anni, è diventata patto d'amore. Oggi, lunedí 22 aprile, la Salernitana è di scena allo stadio Rigamonti di Brescia. La squadra di Gregucci è scortata da circa 200 ultras, tutti accolti all'esterno dello stadio, come documentano le foto che pubblichiamo da un buffet a base di birra, panino e salamina. Un "terzo tempo" ultras, in attesa del fischio d'inizio. 

Reduce dalla vittoria casalinga con il Cittadella e scortata da circa duecento tifosi, la Salernitana si presenta al cospetto della capolista con il suo centravanti ritrovato, Milan Djuric, autore di 5 gol nelle ultime tre partite. A sostegno, ecco il trequartista calabrese Alessandro Rosina, ma anche il gambiano Jallow, al posto di Mazzarani. Salernitana petto in fuori, al cospetto della capolista.

Il grande ex

La Salernitana, a caccia degli ultimi punti utili per tagliare il traguardo salvezza che è diventatoi l'unico obiettivo possibile, dopo un campionato di stenti, ritroverà sulla propria strada il bomber Alfredo Donnarumma, lasciato partire troppo in fretta e a parametro zero dal club granata. Da quando è andato via da Salerno, Donnarumma ha realizzato 47 gol in due stagioni, compresa la Coppa Italia. Quest'anno è fermo a quota 24 e con Torregrossa (11) ha realizzato a Brescia quasi gli stessi gol messi a segno a Salerno da una squadra intera (37). Per fermare il centravanti-stoccatore delle rondinelle bresciane che ormai sono ad un passo dalla promozione in serie A (lo stadio Rigamonti si presenterà esaurito in ogni ordine di posto), l'allenatore della Salernitana Angelo Gregucci ha deciso di affidarsi di nuovo alla difesa a tre e al modulo 3-4-2-1, promuovendo ancora Migliorini in retroguardia, a discapito di Schiavi che pareva in procinto di ritrovare l'undici base e la fascia da capitano.

Le formazioni ufficiali

BRESCIA (4-3-1-2): Alfonso; Sabelli, Cistana, Romagnoli, Martella; Bisoli, Tonali, Dessena; Tremolada; Torregrossa, Donnarumma. A disp: Andrenacci, Gastaldello, Mateju, Dall’Oglio, Ndoj, Spalek, Morosini, Rodriguez. All. Eugenio Corini

SALERNITANA (3-4-2-1): Micai; Pucino, Migliorini, Mantovani; Lopez; Casasola, Akpa Akpro, Di Tacchio, Jallow, Rosina; Djuric. A disp: Vannucchi, Lazzari, Gigliotti, Schiavi, D.Anderson, Mazzarani, Memolla, Odjer, A.Anderson, Calaiò, Vuletich, Orlando.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Si schianta con l'auto contro un albero: morta la 24enne di Auletta

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • La banda dell'Audi: è caccia ai ladri che svaligiano case di Salerno e provincia

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

Torna su
SalernoToday è in caricamento