Gian Piero Ventura si presenta: "Mancano ancora 7 giocatori"

Ventura: "Per me Salerno è l'Arechi quando in serie A c'era stadio stracolmo due ore prima della partita. Nel momento in cui riuscirò a fare quello che ho sempre fatto - con i fatti e non con le parole - riavremo lo stadio pieno"

Un momento della conferenza

"Orgoglio, qualità, appartenenza": la conferenza stampa di presentazione di Gian Piero Ventura (che attende riforzi entro il 18 luglio e che giocherà con la difesa a tre) comincia con parole al miele del co-patron Lotito.

L'esordio

"Sono qui con vivo piacere. Ci tenevo ad essere presente, al mister sono legato da stima e considerazione - dice il co patron della Salerntana, seduto al tavolo dei relatori con l'ex ct della Nazionale e l'addetto stampa Lambiase -  Ventura è persona giusta in una piazza che ha intenditori di calcio: farà assaporare qualità di gioco per i palati fini. E' l'anno del centenario e ringrazio i tifosi per la bella manifestazione, soprattutto con evento dietro la curva che dimostra attaccamento a squadra e colori. Per questo la nostra società ha ritenuto opportuno investire con iniziative di qualità: store e altre cose. Non eravamo presenti alla festa del Comune perché gli inviti erano personali e all'epoca c'era una rappresentanza - Menichini, all'epoca - più consona a raccontare la vita di campo. E' stato mortificante doverci salvare ai calci di rigore".

Il futuro

"Siamo qui per rafforzare il club - dice Lotito presentando l'ex commissario tecnico della Nazionale - coniugando risultati e spettacolo, altrimenti si rischia operazione in uscita e paziente morto. Facciamo tesoro degli errori, il sottoscritto era presente e non si è nascosto a Venezia, è andato con la squadra in pullman e forse ho avuto un pizzico di merito per la permanenza sul campo. Ripeto sul campo, perchè la Salernitana sarebbe comunque rimasta in serie B. Scegliamo Ventura perchè è uomo di calcio e non di pallone, perché valuta e investe sulle persone, consente loro di esprimersi al cento per cento. In passato giocatori che hanno potenzialità, mal impiegati, non sono stati messi in condizione di rendere. I cognomi non sempre sono sinonimo di qualità. La mia presenza oggi dimostra che l'investitura è diretta, senza intermediari. Al di là della speculazione dialettica dell'ultimo periodo, i fatti dicono che Ventura ha fatto cose buone e fa sistema. Con la logica del sistema, remando tutti dalla stessa parte, otterremo il risultato al quale tutti ambiamo ma che non è stato possibile ottenere. Vogliamo arrivare ai vertici del campionato. I giocatori che ha gestito Ventura non sono stati sempre giocatori di pedigree, perchè questa è solo garanzia mediatica. La squadra non verrà allestita con la formula supermercato pago uno prendi tre, acchiappo i nomi e sto in pace con la coscienza. A noi serve gente motivata che poi dovrà essere plasmata dal demiurgo Ventura. Le ultime partite hanno dimostrato che la squadra aveva un'anima e sapeva combattere. Noi vogliamo ripartire da quelle prerogative. Sono venuto per dare un segnale forte di presenza della società, di attaccamento. Si tratta di dare una logica diversa rispetto a tutto quello che è accaduto in passato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Le prime parole di Ventura

"Sono felice, ritorno a fare quello che ho sempre fatto: alleno e mi confronto ogni giorno. L'ho fatto sempre tranne nell'ultimo anno che ha un po' annacquato tutto per gli altri ma non per me. Il calcio è cambiato, devi produrre risultati sportivi ed economici.  Per me Salerno è l'Arechi quando in serie A c'era stadio stracolmo due ore prima della partita. Nel momento in cui riuscirò a fare quello che ho sempre fatto - con i fatti e non con le parole - riavremo lo stadio pieno. La voglia è ridare un'anima alla squadra che ha un pubblico abituato a pretendere secondo la sua storia. Vorrei essere ricordato non perchè ho vinto ma perché ho riportato 25mila persone allo stadio e perché ho ridato ad un giocatore l'orgoglio di vestire la maglia granata. Sto parlando di pubblico, stimoli, orgoglio". Sui calciatori e le motivazioni, ecco il tecnico granata: "Quando abbiamo preso Darmian dalla Primavera Palermo poi l'abbiamo dato al Manchester. Glik venuto a zero euro poi pilastro della nazionale polacca. Non bisogna prendere giocatori per la piazza ma giocatori per la Salernitana. Sono venuto quasi gratis - dice con una battuta - e per fortuna avevo messo prima qualche soldo da parte. Vincere non può essere l'obiettivo ma la conseguenza di ciò che andremo a fare. Siamo pronti? Assolutamente no, mancano ancora sei-sette giocatori. Per non dire sette otto, altrimenti il presidente si sente male. Non giocatori intesi come nomi ma come potenzialità e caratteristiche . Le idee e la determinazione non sono sufficienti: ci vogliono anche i giocatori. Da solo non lo posso fare: ho bisogno del presidente, il presidente di me, entrambi del pubblico. Incominciamo ad essere credibili, iniziamo a voler essere. La Nazionale? Dopo 33 anni di risultati, 290 milioni di plusvalenze e circa 170 miliardi a Cagliari, due sconfitte hanno cancellato na vi annuncio che mi riprenderò questi 34 anni e ci riuscirò. Porte aperte o porte chiuse? Andiamo in questo paese, a San Gregorio Magno, e tutte le mattine farò porte aperte, almeno nella prima settimana. Al pomeriggio porte chiuse perchè il calcio è cambiato, ci sono i droni e vengono a vedere la tattica. Tutte le volte che non ci sono allenamenti finalizzati alla tattica, ben vengano porte aperte perché l'obiettivo è e deve essere portare i tifosi. Anche il discorso con la stampa: se il rapporto è dare la formazione, non c'è problema; se si viene a vedere la posizione sulla palla inattiva, il recupero palla e altre situazioni, io non parto svantaggiato, ma di più". Il modulo: "Se si decide di giocare con esterni e si fa un tipo di modulo, servono alcune caratteristiche. Se nella rosa non ci sono esterni offensivi, non si può giocare in questo modo. Il discorso è molto semplice, basta vedere chi c'è adesso in rosa e chi arriverà, perché altra gente arriverà. Perché noi dopo compreremo...".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, ad Avellino spunta anche il virus di "Festa": il sindaco tra gli assembramenti incita la movida contro Salerno

  • Covid-19, in lieve aumento i contagi nel salernitano: i dati provinciali

  • Covid-19, altri 4 casi positivi in Campania: due sono a Cava de' Tirreni

  • Assembramenti e cori contro Salerno, Selvaggia Lucarelli: "Ad Avellino i lanciafiamme di De Luca"

  • Caso sospetto di Covid-19: chiuso temporaneamente il Pronto Soccorso a Nocera

  • Sparatoria ad Angri, ferito un imprenditore: a novembre un attentato alla sua azienda

Torna su
SalernoToday è in caricamento