La voce dei tifosi: "A Cesena fortunati. Con questo atteggiamento arriveranno solo sconfitte"

Il punto strappato al Manuzzi è stato salutato con favore dalla torcida granata, ma tante sono le perplessità per la rinunciataria condotta di gara della squadra di Sannino

I tifosi granata in curva - Foto: Gambardella

Nel Day-After del soffertissimo pareggio strappato al Manuzzi di Cesena, i tifosi della Salernitana possono finalmente tirare un profondo sospiro di sollievo, dopo aver vissuto una gara con il fiato sospeso per via delle continue e martellanti folate offensive degli avanti romagnoli. Ciò nonostante l'undici di Sannino, pur rivoluzionato dalla presenza di molte seconde linee, è riuscito nell'impresa di portar a casa un punticino che fa sicurmente più morale che classifica, ma tant'è, in un periodo di vacche magre bisogna accontentarsi di quel che viene. Evidenti però le carenze palesate dalla squadra nello sviluppo della manovra offensiva, venuta completamente a mancare sia per scelta ma soprattutto per l'inerzia della gara. Troppo sperimentale la formazione granata per poter imbastire trame di gioco efficaci, quindi Sannino ha propreso per una squadra votata al sacrificio, se non al martirio, per conservare inviolata la porta di Terracciano.  Questo atteggiamento però non è piaciuto del tutto alla tifoseria granata, che se da un lato ha accolto positivamente questo punto raccolto nell'ostico Manuzzi, dall'altro mal digerisce un calcio così rinunciatario.  

"Giocando così puoi prendere qualche volta il punto, ma quante volte ci andrà bene?" - ammette preoccupato Francesco - "Alla lunga, con questo atteggiamento arriveranno solo sconfitte". Dello stesso parere anche Alfonso: "E'chiaro che il risultato in sé é buono, però nemmeno si può essere soddisfatti di una prestazione simile, strombazzando ai quattro venti l'alibi del turnover e del campo difficile. Soprattutto perchè il pareggio non è arrivato grazie a una efficace fase difensiva (ne sono testimoni le tantissime palle gol create dal Cesena), ma semplicemente per demeriti degli avversari. Ci può andare bene una volta, due, ma non si può fare sempre così. A questo punto speriamo che il riposo di Coda Donnarumma e Odjer sia servito per averli al meglio sabato col Trapani, partita da vincere assolutamente". Matteo invece non usa mezzi termini e rifiuta un atteggiamento tattico così' difensivista: "Rinunciare a prescindere alla fase offensiva è ridicolo, ho capito che gli equilibri si devono ancora trovare, ma non si può far fuori in tronco tutto l'attacco, mettendo in campo poi il portoghese che coi piedi ci litiga! E Sannino è anche contento di aver pareggiato professando l'anticalcio? Che vergogna". Agli antipodi invece l'analisi di Roberto T. che invece esalta la partita difensiva dei granata: "Ho apprezzato la risposta di Sannino data ai cronisti di Sky, quando ha detto senza vergogna di esser orgoglioso della prestazione della sua squadra. Era la partita che lui voleva fare e lo ha ammesso candidamente senza ipocrisie, lasciando di stucco i cronisti già pronti al fuoco incrociato. Dal punto di vista difensivo la squadra ha fatto un gran gara, portando a casa un buon punto. Onore al merito al tecnico che ha avuto il coraggio di osare i panchinari contro una squadra nettamente superiore. L'unico che non avrei osato però è Joao Silva, letteralmente un fantasma". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Travolto da un treno ad Angri: Tobia è morto, Agro a lutto

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Paura a Salerno, le onde invadono la spiaggia di Santa Teresa

Torna su
SalernoToday è in caricamento