La voce dei tifosi: "A Cosenza gara davvero brutta. Squadra troppo sterile, urgono rinforzi"

Il pareggio raccolto al San Vito-Marulla non soddisfa a pieno le aspettative dei supporter granata, soprattutto per l'atteggiamento rinunciatario della squadra. In molti chiedono alla società nuovi innesti di qualità per rendere la squadra competitiva per la zona playoff

Un gruppetto di tifosi granata al San Vito - Marulla di Cosenza

Dopo una gara avara di emozioni, la Salernitana esce indenne dalla trasferta del San Vito - Marulla, raggranellando così un punticino che ha sì il sapore di un brodino caldo ma che consente alla squadra di acquisire un minimo di continuità di risultati. Piccoli segnali di risveglio dunque che però non soddisfano a pieno i supporter granata, convinti che al cospetto di un avversario tutt'altro che irresistibile si potesse (e dovesse) fare qualcosa di più. In molti attendono speranzosi rinforzi dal calciomercato di gennaio, altri invece si focalizzano sul prossimo match contro il Pescara. Questo ed altro è emerso dai commenti rilasciati dai tifosi della Salernitana intervenuti nella consueta rubrica che SalernoToday riservata al mondo del tifo granata.

Ad aprire il nostro giro di interviste, Luigi Nese, che esordisce con una epistola impregnata di ironia: "Cara Befana, noi che siamo bravi e pazienti tifosi, e che di brodino ne abbiamo preso tanto, prendi tutto l’attacco da 0-0 della Salernitana, poi il caro Direttore e spediscili lontani da Salerno, magari con destinazione ignota. Fa in fretta mi raccomando. E con i soldini risparmiati, visto che ti trovi, metti nella calza una paio di attaccanti degni di questo nome. Grazie!". Poco soddisfatto per il pari di Cosenza, Guido Diodato: "Prestazione incolore, come da routine d'altronde, contro un avversario davvero mediocre. Continuo a non vedere questo scossone che solitamente porta in dote un ribaltone tecnico; la squadra è timorosa e si limita solo a non prenderle nonostante un potenziale tecnico di tutto rispetto. Il risultato di ieri è l'esatta la fotografia della gara: 0 occasioni per entrambe le squadre. Tuttavia, mentre noi ci accontentiamo del brodino, le competitor iniziano a prendere quota. Dal punta di vista tattico, urge a mio avviso un cambio di modulo: vedo bene ad esempio un 4-3-3 che potrebbe rivalutare calciatori come Orlando, fino a 2 anni fa uno dei migliori esterni della categoria. Speriamo di chiudere il girone d'andata battendo il Pescara, poi a gennaio urgono almeno 3 rinforzi": Stranamente prudente nei giudizi, Armando Della Monica: "Partita giocata a tratti, granata ancora senza un giudizio per via del cambio del tecnico. E' normale che almeno adesso Gregucci punti ancora sul 3-5-2, sarebbe stato strano avesse puntato sempre sugli stessi uomini. La rosa è ampia ed è giusto farla girare, tuttavia accadesse il contrario ci penserebbe la società a farla girare... a buon intenditor! Campagna acquisti? Sono pessimista, alla meglio verrà qualche altro calciatore fermo da 1/2 anni". Insoddisfatto del punto di Cosenza anche Gianfranco Iuliano: "Partita brutta, giocata da due squadre scarse che avevano più paura di perderle che voglia di vincere la partita. Teniamoci questo punto che, alla fine potrebbe tornarci utile, ma è davvero un finale di anno gramo". Rispetto al recente passato Luca Bochicchio intravede qualche miglioramento: "Se con il Foggia la squadra è stata abulica, ieri almeno ho visto un tantino di voglia in più di lottare e recuperar palla ma è da tenere in considerazione la pochezza dell'avversario. Si poteva provare a vincere ma la vedo difficile buttarla dentro senza attaccanti degni di questo titolo e senza azioni offensive degne d'esser chiamate così. Jallow avrebbe bisogno di un annetto minimo di palla al muro per poi riprovare a giocare al calcio. In sostanza però, la squadra è in linea di galleggiamento, insomma tutto come da copione". Chiude il nostro giro di interviste Rino Marra: "Oggettivamente la partita di ieri è stata davvero brutta, su un prato non all’altezza di un campionato professionistico.  Se vogliamo avere ambizioni playoff però bisogna fare di più, anche se, considerato che la squadra era a pezzi, 4 punti in 2 partite non sono male. In attacco abbiamo grossi problemi, Jallow sta sbagliando tutto nemmeno un passaggio semplice gli riesce. Qualche occasione l’abbiamo creata solo quando è entrato Rosina. Per chiudere il girone in maniera dignitosa bisogna battere il Pescara e girare a 27 punti. Poi la società deve prendere a gennaio  elementi in grado di far fare alla squadra il salto di qualità". 

Potrebbe interessarti

  • Allergia al nichel: i sintomi e gli alimenti da evitare

  • Metrò del mare in Cilento: tutti gli orari

  • Ma come ti vesti... a un matrimonio estivo? Ecco tutti i consigli, dall’abito agli accessori

  • Serpente "a spasso" sotto agli Archi dei Diavoli: la segnalazione

I più letti della settimana

  • Muore a 8 mesi nell'ospedale di Nocera, la famiglia già attenzionata: fissata l'autopsia

  • Incidente tra Salerno e Baronissi, scontro tra auto e moto: muore noto anestesista

  • Muore a 8 mesi, il racconto choc della madre: "Ecco cosa le faceva mio marito"

  • Incidente tra Salerno e Baronissi: comunità sotto choc per la morte del dottor Maucione

  • Statale Amalfitana: noto avvocato si lancia giù dal burrone e muore: spunta una lettera

  • Allergia al nichel: i sintomi e gli alimenti da evitare

Torna su
SalernoToday è in caricamento