Salernitana - Alessandria: la cronaca della gara

I granata superano 2 a 1 la formazione piemontese grazie ai gol dell'ex Bocalon nel primo tempo e alla rete di Sprocati al 38'della ripresa. A nulla è valsa la rete del momentaneo pareggio di Marconi. L'undici di Bollini, seppur soffrendo più del dovuto, passa al terzo turno della manifestazione tricolore

Foto e gallery di G. Gambardella

Seppur con qualche affanno di troppo, la Salernitana supera il secondo turno della Coppa Italia 2017-2018 ed affronterà il prossimo 12 agosto, in quel dello stadio Cabassi i pari categoria del Carpi. Per aver ragione del combattivo Alessandria però è stato necessario un guizzo di Sprocati a pochi minuti dal 90', lesto a raccogliere un assist di Rosina e a piazzare con potenza e precisione la sferà là, dove Agazzi nulla ha potuto. Al di là degli affanni fisici ed una condizione atletica ancora approssimativa, è apparsa evidente la farraginosità della manovra di una squadra che stenta ancora a trovare quegli automatismi fondamentali nell'economia del 4-3-3 immaginato da Bollini. Da rivedere Signorelli, ancora lontano da una condizione fisica decorosa. Linea difensiva in alcuni frangenti disattenta e superficiale anche al cospetto di una formazione - anche se di altro profilo per la categoria - di Lega Pro. Buone le prestazioni di Ricci e dell'esordiente Bocalon che bagna il suo esordio come meglio non poteva. A fasi alterne, seppur decisivo, Sprocati. Rosina, è ancora il pallido ricordo del grande talento che fu. 

La cronaca della gara: ​

Primo tempo

Nei primi 10', gli ospiti sembrano maggiormente in palla rispetto ai ragazzi di Bollini, più sulle gambe al cospetto di una formazione più avanti nella preparazione. Il predominio dei piemontesi però risulta sterile, e, salvo qualche cross pericoloso in area, nessun pericolo arriva dalle parte del giovane Adamonis. Dal 15' in poi, la Salernitana inizia a metter la testa fuori dal guscio, grazie anche a uno Sprocati propositivo e in vena di stupire. Che l'aria fosse cambiata lo si capisce quasi subito. Al 18', sugli sviluppi di un calcio d'angolo, arriva il gol del vantaggio granata, grazie proprio a Riccado Bocalon, freschissimo ex di turno che bagna il suo esordio in maglia granata con una rete da vero rapace d'aria (fondamentale però la spizzata di Bernardini). Al 23', i padroni di casa vanno addirittura vicinissimo al raddoppio con Rosina, ma il capitano non è abbastanza lesto ad approfittare dell'erroraccio in disimpegno del portiere ospite Agazzi. Il vecchio adagio del calcio 'Gol sbagliato, gol subito', non perdona, e i granata al 35' capitolano alla prima vera sbavatura difensiva: è Marconi con un colpo di testa (ben imbeccato dall'ex Sestu) a sorprendere in controtempo Adamonis e a ristabilire le distanze tra le due compagini. Nel frangente però male tutta la difesa, mal schierata e poco attenta. Nelle more, gli ospiti, galvanizzati dal pareggio, sfiorano la rete del clamoroso 2 a 1 con Fischnaller in azione di rimessa, stavolta però il giovane estremo difensore granata si erge a diga ed evita guai peggiori. Dopo 2' di recupero si va al riposo in un clima terribilmente afoso. 

Secondo tempo

Ripresa che inizia con gli ospiti ancora sul pezzo e pronti a mettere in difficoltà una Salernitana arrugginita e con molti calciatori in debito d'ossigeno. La linea mediana è quella a patire maggiormente, con un Signorelli poco lucido per via di una condizione a dir poco approssimativa e un Odjer ancora non in palla; solo Ricci sembra avere già il guizzo in grado di illuminare la scena, ma intorno a lui sembra esserci il nulla, insomma predica nel deserto. Al 13', cenni di risveglio in casa granata grazie ad un assolo (forse uno dei pochi) di Rosina, che pennella un buon cross in area per la testa di Bocalon, stavolta però Agazzi fa buona guardia. Per oltre un quarto d'ora, l'undici di Bollini si affida ai lanci lunghi sperando in qualche invenzione di Rosina, l'ex funambolo di Bari, Torino e Zenit però sembra essere anche questa sera la controfigura del gran calciatore che fu. Con il trascorrere di minuti, la gara sembra incanalarsi stancamente verso il 45', ma una fiammata improvvisa dei granata rompe nuovamente gli equilibri: al 38', a centrocampo ruba palla  Bocalon che innesca in ripartenza Rosina, il capitano invece di incaponirsi in stucchevoli dribbling finalmente alza la testa e serve sul limite dell'area una palla che l'accorrente Sprocati piazza con potenza e precisione sul palo del portiere, Agazzi si distende ma la sfera centra l'angolino e gonfia la rete. 2 a 1 per la Salernitana e Curva Sud Siberiano in visibilio. I grigi piemontesi si riversano ovviamente in massa nella metà campo granata, ma con poca lucidità. L'undici di Bollini, sfruttando gli ampi spazi concessi dagli ospiti, sfiora addirittura la terza marcatura in piena 'Zona Cesarini'. ma Rosina a tu per tu con l'estremo difensore ospite (bello l'assist di Zito) spara praticamente addosso ad Agazzi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • La banda dell'Audi: è caccia ai ladri che svaligiano case di Salerno e provincia

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

  • Slitta, pista e renne al San Marzano Christmas Village: attrazioni per i bambini

Torna su
SalernoToday è in caricamento