Emergenza in attacco: Salernitana a Cosenza orfana di Giannetti

Ventura ha annunciato che al suo posto giocherà Djuric. Non cambia il modulo tattico: sarà ancora 3-5-2. A centrocampo, staffetta Firenze-Maistro

Ventura in conferenza stampa

Giannetti ko, Lombardi e Billong non ci sono. Sarà un'altra Salernitana, soprattutto in attacco, con il lampeggiante acceso quella che scenderà in campo contro il Cosenza. "Chi convoco è in grado di giocare e spero che il mercato non sia chiuso. Doveva arrivare un giovane, adesso ne aspetto uno di sostanza, sempre per la difesa, che non è ancora arrivato. In questo momento non siamo competitivi per vincere. Lo siamo per diventare vincenti. Sul mercato non si poteva fare di più, rispetto a come siamo partiti", esordisce Ventura. La Salernitana senza Giannetti "partirà inizialmente con Djuric - annuncia il tecnico granata - Il bosniaco diverso da Calaiò che ha più capacità di fraseggio. Djuric si è calato nella parte ed è giusto dargli una verifica utile per noi e per lui. La difesa non cambia. A centrocampo stiamo facendo una valutazione Firenze-Maistro, su movimenti e variabili tattiche. Non è neppure un ballottaggio: oggi in questo momento fanno fatica a reggere entrambi 90', quindi sarà staffetta. Abbiamo iniziato da 35 giorni e abbiamo preso coscienza delle nostre capacità. Con Cerci potremo avere ulteriore margine di miglioramento. Ha avuto un piccolo fastidio muscolare. Credo che martedì si riaggreghi".

Avversario e tifosi

"Il Cosenza è una squadra ostica ma dovremo andare a fare la partita ed è un esame sulla personalità - aggiunge il mister granata - l'obiettivo è fare la stessa partita effettuata con il Pescara. Braglia, diversamente giovane come me, l'ho incontrato poche volte ma è tra i colleghi più difficili da sfidare. Ha vinto tanti campionati e non si vince mai per caso. Ringrazio i tifosi. Erano novemila al debutto e ringrazio in anticipo i 1200. Spero che la Salernitana riesca a dare un altro messaggio. Se ci riuscirà, chi meglio di questi mille potrà diventare portavoce granata? Spesso si dice "mi auguro di non deluderli". Spero di dare loro lavoro: se faremo bene, i nostri tifosi potranno diventare sempre di più e fare da megafono, da portavoce".

Gli epurati reintegrati

"A scanso di equivoci - precisa Ventura - Perticone e Rosina non c'erano quando sono arrivato. Perticone è stato un mio giocatore, mi sono chiesto perché non fosse in ritiro e ho posto questa domanda. Adesso è con noi ma non vuol dire che è in rosa, tant'è che non è convocato. Credo abbia ambizione di voler andare via. Idem Rosina. Non può essere un mio problema, perché ne ho molti altri. Al momento non ci sono giocatori in uscita, se non Morrone. Kalombo resta perché è cresciuto. Quando sono arrivato non aveva un ruolo, adesso il discorso è cambiato".  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella movida, dolore e commozione per i funerali di Enzo

  • Choc a Santa Maria di Castellabate: trovato un cadavere in spiaggia

  • Salerno, alunni vessati in classe: docente allontanata dalla scuola

  • Incidente a Salerno, perde il controllo della moto e cade: morto 16enne

  • Morto in spiaggia: due comunità piangono Domenico Di Sessa

  • A2 chiusa per la bomba, l'odissea di una famiglia: "Bimbi in lacrime, nessuna assistenza"

Torna su
SalernoToday è in caricamento