Spezia - Salernitana 3-0: i granata naufragano al Picco

Dopo un'altra prestazione opaca, l'undici di Colantuono crolla anche sotto i colpi di Marilungo e soci. Troppo evanescenti i granata sotto rete, con un Bocalon a dir poco ectoplasmatico. La crisi ora è profonda e la classifica inizia a far davvero paura

Foto di Gianfranco Iuliano

La Salernitana imbarca altri tre gol al Picco di La Spezia ed apre definitivamente una crisi di risultati profonda, certificata dalla terza sconfitta nelle ultime quattro gare. Sconfitta questa, figlia dell'ennesima prestazione desolante offerta dalla formazione di Colantuono, che, oltre alla fortuna ha oramai smarrito totalmente la propria identità di squadra. Sembrano lontani anni luce le sfavillanti rimonte del girone d'andata. Ma tant'è, ora la realtà - miserevole - è questa, ed appare pretestuoso appigliarsi a rigori non concessi e a occasioni fallite. Quindi bando alle ciancie e alle chiacchiere, bisogna riportare la nave in porta. Urge inq uesto senso un deciso intervento della società volto a  rimettere in riga un gruppo apparentemente spento, prima che la situazione degeneri in un finale di campionato al cardiopalma. La tifoseria, a giusta ragione, al termine della gara ha sonoramente contestato società e calciatori, ma per salvare la categoria sarà necessario sotterrare l'ascia di guerra e ricompattarsi intorno alla squadra. Ora è l'unica cosa conta. Poi a fine stagione, ci sarà tutto il tempo per tirare le somme e chiedere il conto a chi di dovere per un altro anno di stenti e sofferenze.   

Primo tempo

Dopo un discreto primo quarto d’ora (da segnalare una conclusione di Kiyine dal limite dell'area e poco altro), al 21’la Salernitana segna il passo e subisce il gol del vantaggio degli aquilotti liguri, ad opera Pessina, bravo a sfruttare una palla d’oro servita da Mastinu. Nel frangente, evidenti le responsabilità della difesa granata che concedono troppo spazio al trequartista bianconero. Al 28’, l’undici di Colantuono recrimina per un penalty non concesso per un evidente  tocco di mani di Giani, l’arbitro Pillitteri però lascia correre tra le veementi proteste dei granata. La Salernitana continua a spingere alla ricerca del gol del pareggio, ma non trova sbocchi tra le maglie del fortino ligure. Al 38’, gli ospiti invocano un altro calcio di rigore per una cintura ai danni di Tuia, ma anche in questo caso però l’arbitro lascia correre. Al 44’, un tiro cross velenoso di Vitale costringe Di Gennaro agli straordinari, ma la palla non vuol saperne di entrare. Senza nessun altro sussulto e senza nemmeno 1’ di recupero, il sig. Pillitteri manda tutti a bere un tè caldo.

Secondo tempo

Nella ripresa, i padroni di casa prendono subito l’iniziativa, e al 5’ vanno vicini al gol del raddoppio con Forte, la conclusione del centravanti ligure però non inquadra lo specchio. Al 10’, i campani si fanno vedere, direttamente da corner, con Vitale, il tiro dell'esterno napoletano viene però contratto da Di Gennaro che respinge; sugli sviluppi dell'azione ci prova Palombi, l'inzuccata dell'ex Lazio però non trova lo specchio. Mentre la Salernitana prova a produrre il massimo sforzo per acciuffare i liguri, al 13’, Marilungo elude la trappola del off-side granata e castiga Radunovic. La reazione dei campani è rabbiosa dei granata, e si concretizza al 14’  con una conclusione potente di Casasola respinta da Di Gennaro; a seguire dopo una serie di carambole, la sfera arriva sui piedi di  Ricci che fa partire un tracciante che sorvola la traversa. Al 17’, Bocalon, splendidamente imbeccato da Palombi, si divora una clamorosa occasione gol, ciccando la palla di testa da posizione più che favorevole. I granata provano riaprire il match in tutti i modi, Colantuono inserisce due esterni offensivi (Rosina a inizio ripresa e Sprocati poi), senza però raccogliere i risultati sperati. La lucidità inizia poi a venir meno e i contropiedi dei bianconeri da sporadici diventano sempre più ficcanti. Al 27’infatti, i padroni di casa sfiorano la terza rete con un tiro del subentrato Maggiore, deviato in angolo all’ultimo secondo da Vitale. Sul successivo corner, Ricci salva miracolosamente sulla linea un colpo di testa imperioso di Maggiore. Con il trascorrere dei minuti la Salernitana iniziano letteramente e sbracare, e al 40’, vengono giustamente puniti dal neo entrato Granoche, che chiude definitivamente il match firmando il 3 a 0 match con una zampata delle sue. Dopo i 4' di recupero, i duecento tifosi granata accorsi anche al Picco, contestano pesantemente squadra e società. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    De Luca torna sceriffo: ferma e fa identificare uno straniero in un supermercato

  • Cronaca

    Spacciano eroina e cocaina in pieno centro: arrestati dai Nibbio a Salerno

  • Cronaca

    Salerno festeggia il suo Santo Patrono Matteo, tra consensi e critiche: divisi i salernitani

  • Cronaca

    Buonabitacolo, "Erbacce sulla rotatoria? Risolvono le capre": l'iniziativa del sindaco

I più letti della settimana

  • Paura ad Atena Lucana, avvistato un orso nel centro cittadino

  • Ricevimento di nozze a Paestum: quaranta invitati intossicati

  • Incidente a Salerno, auto finisce dentro un negozio di alimentari

  • Centro Commerciale La Fabbrica: taglio del nastro per il Blu Park Salerno

  • "Tu sei l'amante di mia moglie, ti uccido!": invalido al 100% picchiato a Torrione

  • Tutto pronto per la festa di San Matteo: processione, fuochi e odore di milza

Torna su
SalernoToday è in caricamento