Pallanuoto e calciatori granata: aste di beneficenza per sconfiggere il Covid-19

Il salernitano Vincenzo Dolce ha donato alla fondazione Cristiano Tosi la calottina dei Mondiali di Wangju. I calciatori Capezzi, Di Tacchio e Giannetti si sono uniti a Lopez: maglie donate per le aste di beneficenza

Vincenzo Dolce, campione salernitano di pallanuoto, medaglia d'oro ai Mondiali di Wangju in Cina, nel 2019, ha donato la calottina della finale per raccogliere fondi da destinare alla partita più importante. "Lottiamo insieme contro il coronavirus", ha detto. La sua calottina è adesso non solo un cimelio ma anche presidio di solidarietà: la Fondazione Cristiano Tosi l'ha messa all'asta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I calciatori

Walter Lopez ha fatto da apripista e altri tre compagni di squadra hanno seguito il suo esempio: i calciatori della Salernitana Di Tacchio, Capezzi e Giannetti hanno donato le proprie maglie al "Centro storico raccolta fondi". Le casacche granata saranno battute all'asta e serviranno ad acquistare cibo per le famiglie in difficoltà. Piccoli, grandi gesti per un obiettivo comune: aiutare chi soffre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Mondragone tra risse e feriti: alcuni bulgari in fuga verso il salernitano

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Siano grida al miracolo, la Madonna "appare" in chiesa: parla il sindaco

  • Paziente infetta dimessa dall'ospedale: blitz dei carabinieri a Polla

  • Svuotava le slot machine con il trucco del "pesciolino": arrestato 19enne salernitano

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

Torna su
SalernoToday è in caricamento