Accenture l’impresa del futuro inizia dalla sostenibilita’ e dal confronto con i giovani di next generation

Antonino Muro del Giffoni Innovation Hub: “Grazie ai giovani di Next Generation si immagina una nuova economia”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Sostenibilità ed economia per un nuovo modello di impresa che inizia dai giovani e che tocca settori diversissimi tra loro e che interessa anche ai big di tutto il mondo. Il tutto partendo dai ragazzi. Ragazzi smart come quelli che stanno partecipando alla sesta edizione di NEXT GENERATION, rassegna realizzata da Giffoni Innovation Hub, creative agency ispirata e promossa da Giffoni Opportunity, evento sull’arte di innovare e sull’imprenditoria a dimensione di giovani che si tiene alla Multimedia Valley di Giffoni Valle Piana fino al 29 agosto, durante la prima fase della 50a edizione del Festival.

SOSTENIBILITA’ ECONOMICA E SOCIALE Mentre nell’area coworking il DreamTeam continua il suo lavoro per rispondere alle sfide lanciate dai partner Bayer e BPER Banca, durante la Masterclass Impact di oggi la Fondazione Italiana Accenture ha proposto un momento di confronto sul rapporto tra sostenibilità economica, sociale e ambientale e il mondo delle imprese. Confronto moderato da Cecilia Ferri, Digital Communication & Project Manager di Fondazione Italiana Accenture e a cui hanno partecipato ben 80 giovani under26, e gli stessi ragazzi del DreamTeam. “L’obiettivo di incontri come questo – spiega Antonino Muro, co-founder e Account Manager di Giffoni Innovation Hub – è ampliare il bagaglio di conoscenze dei ragazzi presenti a NEXT GENERATION e allo stesso tempo dare una visione sul futuro dell’economia alle aziende che, come abbiamo visto in questi anni di lavoro come Giffoni Innovation Hub, sono estremamente interessate a un dibattito costruttivo con le nuove generazioni”.

LA STRADA DEI BIG DELL’INDUSTRIA “La verità – ha spiegato collegata in diretta streaming Angela Wei, Business Strategy Manager, Accenture Strategy Sustainability Services – è che per le aziende, piccole o grandi che siano, la sostenibilità è ormai un’esigenza. Questo ovviamente anche tenendo conto degli Obiettivi di sviluppo sostenibile previsti dall’agenda 2030. Obiettivi che prevedono un intreccio a doppio filo tra tutela dell’ambiente, inclusione sociale e crescita economica”. E se ne sono accorti anche i grandi come Apple che da qualche anno a questa parte sta puntando alla riduzione delle emissioni tramite il recupero e riciclo delle materie prime anche grazie alle nuove tecnologie. Come i robot Daisy e Dave che possono disassemblare fino a 200 iPhone all’ora. O anche Nike che ha fatto della promozione di una cultura inclusiva e della parità di genere, razza e stato sociale il suo punto di forza. “Un punto di forza che spesso è dimostrato anche dai dati – ha continuato la Wei – Tenete presente che lo spot pubblicitario con Colin Kaepernick il prezzo azioni Nike è salito dal 5% vendite online sono cresciute di circa il 31% in un solo weekend”.

LE IDEE INNOVATIVE E I GIOVANI E proprio in questo contesto sempre nel corso della Masterclass Impact si è parlato di “Youth in Action for Sustainable Development Goals”, iniziativa promossa da Fondazione Italiana Accenture, Fondazione Eni Enrico Mattei e Fondazione Allianz UMANAMENTE, che stimola gli studenti under 30 a presentare idee innovative per contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e vuole al contempo favorire il loro ingresso nel nuovo mondo del lavoro. “I ragazzi sono pieni di idee e sogni – commenta Simona Torre, Segretario Generale di Fondazione Italiana Accenture – e le aziende ormai sono consapevoli dell’importanza di fare impresa in maniera sostenibile. Però hanno bisogno di confrontarsi con un pensiero giovane, fresco e naturalmente orientato alla sostenibilità. Da questo nasce Youth in Action for Sustainable Development Goals”. “È uno dei framework internazionali più importanti – aggiunge Angela Melodia, Head of Innovation and Development, Social and Cultural Regeneration della Fondazione Snam – Per questo Youth in Action è l’occasione per essere vicini ai ragazzi e capire cosa pensano, cosa sarà importante nel prossimo futuro e così iniziare a disegnare un nuovo tipo di economia”.

LORIS SAVINO – Una storia che sa di caffè! E a conclusione dell’evento ha preso la parola Loris Savino, 23enne pugliese che è stato uno dei vincitori della Youth in Action for Sdg 2019. “Con due miei amici abbiamo vinto – ha detto il ragazzo - il Premio Lavazza ideando un sistema di purificazione delle acque reflue con scarti agro-alimentari. Una bella esperienza. Bella come essere a Giffoni dove sono proprio i giovani a confrontarsi e devo dire che è uno stimolo in più. Sono temi che proprio la nostra generazione dovrà trovarsi a risolvere e ad affrontare. È quello che ci serve”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento