rotate-mobile
Attualità

"Aiuti ter": in arrivo il bonus da 150 euro

Il bonus, previsto come indennità contro il caro prezzi e l'inflazione, è destinato ad una platea molto ampia e variegata di cittadini

Sta per arrivare il bonus da 150 euro previsto dal decreto Aiuti Ter. Il bonus, previsto come indennità contro il caro prezzi e l'inflazione, è destinato ad una platea molto ampia e variegata di cittadini. Ci sono, come il precedente bonus da 200 euro, differenze nell'erogazione: alcune categorie dovranno presentare domanda all'Inps mentre altre lo riceveranno in automatico o semplicemente presentando un'autodichiarazione.

Ecco le categorie a cui è destinato il bonus

  • Lavoratori dipendenti: Coloro che hanno una retribuzione imponibile non eccedente i 1.538 euro nella competenza di novembre 2022 devono presentare preventivamente l’autodichiarazione al datore di lavoro sul possesso dei requisiti. Non devono essere titolari di trattamenti pensionistici con decorrenza entro il 30 giugno 2022, non devono essere componenti di un nucleo familiare beneficiario di Reddito di cittadinanza e non devono essere destinatari della stessa indennità pagata da un altro datore di lavoro
  • Pensionati:Titolari di pensione, assegno sociale, pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti e trattamenti di accompagnamento alla pensione che abbiano decorrenza trattamenti entro 1° ottobre 2022 e reddito non superiore a 20.000 euro nel 2021 avranno il bonus pagato con gli assegni di novembre
  • Lavoratori domestici: Chi è in questa categoria e ha già beneficiato del bonus di 200 euro del DL n. 50/2022 – che si può richiedere entro il 30 settembre – e ha un rapporto di lavoro attivo alla data di entrata in vigore del DL Aiuti ter avrà il pagamento in automatico
  • Disoccupati: Coloro che percepiscono l’indennità di disoccupazione NASPI e DIS-COLL a novembre 2022 e coloro che sono titolari di disoccupazione agricola, con percezione indennità di disoccupazione nel 2022 per importi di competenza 2021, avranno il pagamento in automatico
  • Co.Co.Co., dottorandi e ricercatori: I titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, i dottorandi e gli assegnisti di ricerca, che siano iscritti alla Gestione Separata e con contratti attivi alla data del 18 maggio e reddito non superiore a 20.000 euro, devono fare domanda all’Inps per ricevere il bonus
  • Beneficiari di bonus covid: Coloro che hanno beneficiato delle indennità del DL n. 41/2022 e n. 73/2022 (previsti dai Decreti Sostegni e Sostegni bis) avranno il pagamento automatico. Altra categoria che riceve il bonus automaticamente sono gli incaricati delle vendite a domicilio con partita IVA attiva, iscrizione Gestione Separata e reddito da medesime attività superiore a 5.000 euro
  • Partite Iva: Partite IVA, lavoratrici e lavoratori autonomi e professionisti, se in possesso dei requisiti (cioè redditi fino a 20.000 euro nel 2021) ricevono un’integrazione di 150 euro insieme al bonus 200 euro originario: questa categoria di beneficiari deve inviare entro la scadenza del 30 novembre una domanda unica alla cassa professionale di appartenenza o all’Inps, in base all’iscrizione
  • Autonomi senza Partita Iva: Lavoratrici e lavoratori autonomi, privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali, con titolarità di contratti di lavoro autonomo occasionale nel 2021 con almeno un contributo mensile accreditato – Iscrizione alla Gestione Separata – avranno il pagamento automatico
  • Beneficiari del Reddito di cittadinanza:Tra i cittadini che ricevono automaticamente il pagamento dall’Inps senza necessità di presentare alcuna domanda ci sono anche i nuclei familiari beneficiari del reddito di cittadinanza. Non devono aver percepito il bonus 150 euro da altri soggetti e avranno l’erogazione insieme al RdC di novembre
  • Collaboratori sportivi: I collaboratori sportivi (la cui gestione è affidata a Sport e Salute e non all’INPS) che hanno beneficiato di uno dei diversi bonus Covid previsti negli anni scorsi avranno il pagamento automatico da Sport e Salute
  • Stagionali: Una richiesta per ottenere l’indennità deve essere presentata dai lavoratori stagionali, a tempo determinato e intermittenti, con almeno 50 giornate di lavoro nel 2021 e reddito non superiore a 20.000 euro
  • Fondo pensione lavoratori spettacolo: Lavoratrici e lavoratori iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo (con almeno 50 contributi giornalieri nel 2021 e reddito non superiore a 20.000 euro) devono fare domanda all’Inps
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Aiuti ter": in arrivo il bonus da 150 euro

SalernoToday è in caricamento