Castellabate: dopo il castello riapre anche l'Antiquarium

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Dopo il Castello dell’Abate riapre a Castellabate anche l'Antiquarium comunale, la “casa dei pescatori”. L’Antiquarium sito nella frazione Santa Maria, sul lungomare De Simone, resterà aperto dalle 22:30 a 0:30 per tutti i fine settimana di luglio ed agosto. All’interno si potranno ammirare le anfore e le ancore recuperate in mare e trasportate dalle navi onerarie romane, ormeggiate e transitate nella baia di Castellabate. I visitatori potranno ricevere informazioni sulla storia di Castellabate e sul suo patrimonio archeologico e paesaggistico, sulla pesca tradizionale e sulla fauna ittica tipica. Verranno fornite inoltre informazioni utili sui luoghi caratteristici, le zone balneabili e le escursioni che è possibile realizzare nel territorio dell'Area Marina Protetta. Tutto sarà curato dall'associazione archeologica “Archeonautilus” e dall'associazione “Pescatori di Castellabate”. Il Vice Sindaco, Luisa Maiuri, dichiara in merito alla riapertura: «L’Antiquarium rappresenta, da sempre, un punto di riferimento di grande valenza per turisti ed appassionati del mare, attraverso il quale intendiamo valorizzare il nostro patrimonio culturale e storico subacqueo grazie alle lodevoli attività informative organizzate da due valide rappresentanti dell'associazionismo locale».

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento