Coronavirus: Dante Santoro devolve l'indennità di marzo alla lotta contro il Covid-19

Il Consigliere Comunale e Provinciale Dante Santoro, come anticipato nei giorni scorsi, con il terminare del mese ha dato indirizzo agli uffici competenti del Comune di Salerno di devolvere direttamente sul c/c dell'Ospedale Giovanni Da Procida

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Il Consigliere Comunale e Provinciale Dante Santoro, come anticipato nei giorni scorsi, con il terminare del mese ha dato indirizzo agli uffici competenti del Comune di Salerno di devolvere direttamente sul c/c dell'Ospedale Giovanni Da Procida, per realizzare il reparto COVID-19, l'indennità di carica cumulata per il mese di marzo - la cifra cumulata è di circa mille euro - ed ha lanciato un appello: "Ho deciso di dare un aiuto concreto per realizzare un nuovo reparto che accoglierà nostri concittadini contagiati dal coronavirus all'Ospedale Da Procida, spero di essere da sprone per altri colleghi delle Istituzioni a tutti i livelli che vorranno supportare le strutture sanitarie di Salerno e provincia che versano in condizioni di grave emergenza. Inoltre continuo a dare un contributo di idee e proposte e spero possa aprirsi una fase di ascolto e maggiore concretezza operativa. Abbiamo lanciato una petizione per chiedere più tamponi, da allora sono arrivati i test veloci per operatori sanitari e pazienti, ma ribadiamo che i tamponi danno maggiore certezza e riscontro. Le stesse comunicazioni dei casi di contagio in città sono ancora scarse e frammentarie, chiedo al sindaco di creare un canale ufficiale di comunicazione. Compio questo gesto perchè la nostra terra e la nostra gente hanno bisogno di segnali forti ed aiuti veri". Così conclude il Consigliere Dante Santoro che sicuramente scuote a modo suo la politica salernitana e lancia un messaggio di conforto a cittadini e mondo della sanità in un momento difficile.

Torna su
SalernoToday è in caricamento