"Pronti a ripartire ma con regole chiare": l'allarme del turismo in Costiera

Ferraioli: " I turisti innamorati dei nostri luoghi ci dimostrano ogni giorno quanto desiderano tornare. Ma è ora che chi di dovere faccia scelte chiare e condivise sul territorio"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

"La volontà e la speranza di ripartire sono tante , nonostante le difficoltà legate al temuto protrarsi del covid19, e alle misure sanitarie previste che rendono difficile la gestione dell' ospitalità e in particolare dei livelli di accoglienza propri della nostra tradizione. Ma dobbiamo farcela e impegnarci coralmente per la ripartenza. Tra le varie iniziative, oltre a quelle mirate ad incentivare nella prima fase la domanda del turismo italiano , da rimarcare un progetto serio di destagionalizzazione in sinergia coi Comuni della Costa d’Amalfi e le proposte culturali del territorio. L’iniziativa, ben curata e condotta, potrebbe compensare almeno in parte il tracollo di questi mesi , allungando la stagione turistica e rilanciando la nostra offerta sul mercato internazionale. In questo momento di crisi la cultura e lo spirito di ospitalità che hanno reso famosa la Costiera devono spronarci alla ripresa nel segno della professionalità e qualità che sono proprie delle nostre aziende": lo ha affermato Luigi Schiavo, Presidente del Gruppo Alberghi, Turismo e Tempo Libero di Confindustria Salerno.

C'è anche il fattore responsabilità.

"Aprire o non aprire? E’ il dilemma più problematico in questo momento, la cui soluzione avrà un effetto determinante sul destino delle nostre attività. Quella che fino a poco tempo fa poteva essere una decisione rimessa al singolo imprenditore è stata completamente ridefinita. E in questo, il tempo risulta antitetico: più passa, più le condizioni diventano fumose impedendo una visione nitida.    Prima di considerare una possibile risposta, occorre valutare almeno tre variabili: ambito di applicazione, responsabilità e risvolto economico. Non è auspicabile una scelta univoca che coinvolga tutta la Costiera (ma questo discorso vale per qualsiasi ambito geografico). È una decisione che dovrà essere pensata  - ha dichiarato Vito Cinque, proprietario dell'Hotel 5 stelle San Pietro di Positano e valutata  per ogni singola attività, perché ciò che può andare bene per una, può non andarlo per un’altra. In Costiera ogni albergo si è costruito negli anni una sua politica commerciale e oggi, in base ad essa, per alcune strutture si può profilare un’apertura a breve, per altre una condizione di attesa. Stando alle previsioni, chi ha edificato la sua produttività sul bacino italiano avrà più possibilità di ripresa immediata rispetto a chi, invece, lo ha fatto guardando a mercati esteri e che ora dovrà attendere gli sviluppi nazionali ma anche degli altri paesi.    C’è poi il fattore responsabilità, alquanto elevato. I DPCM che continuano a susseguirsi delineano una serie di implicazioni che l’imprenditore ha nei confronti di tutti gli attori che si muovono nel suo esercizio. Quindi ospiti, personale fisso e quello dell’indotto. Arrivando anche al paradossale: un cittadino è responsabile delle sue disposizioni di sicurezza in famiglia o nei luoghi pubblici ma non quando si trova in azienda, dove per lui è responsabile il datore di lavoro, che potrebbe addirittura essere accusato di procurata pandemia. Chi ha redatto il decreto “Cura Italia” ha omesso di aggiungere dopo l’art. 42 che introduce l’infortunio sul lavoro, un articolo 42bis che preveda che il contagio possa sopraggiungere ovunque, e quindi non necessariamente legato all’attività in azienda.  Al San Pietro abbiamo dovuto affidarci ad un gruppo di esperti che valuta l’incastro fra tutte le disposizioni che man mano si addizionano. Nonostante il forte senso di responsabilità nei confronti dei nostri dipendenti che sono in un momento di estenuante attesa, siamo messi nella posizione di non potere ottemperare a tutti i vincoli imposti e perciò ci vediamo costretti, nostro malgrado, a prolungare il rinvio.Infine c’è la variabile economica, la più ostica nella valutazione. Se la decisione di aprire risultasse errata, essa potrebbe compromettere definitivamente la sussistenza di un’azienda. In questi giorni molti operatori preferiscono rimanere chiusi perché -alle condizioni imposte dal governo e con un’operatività nettamente inferiore alle potenzialità- è più dannoso aprire. Si parla di stanziare fondi, ma questi fondi potrebbero arrivare troppo tardi, quando l’attività sia già irrimediabilmente danneggiata. La variabile economica va vista nell’ottica dell’intero territorio. L’emergenza ha mostrato che in un paese carente di infrastrutture le persone possono fare la differenza. La sanità al nord ha retto non tanto per le infrastrutture quanto per la dedizione degli operatori sanitari. In pratica quello che avviene quotidianamente in Costiera, dove l’ospitalità è prevalentemente costituita non dalle strutture quanto dal capitale umano. Anche se rispetto ad altre destinazioni abbiamo meno infrastrutture, il calore delle persone, le competenze e il senso dell’ospitalità hanno permesso di eccellere.La Costiera Amalfitana è oggi un brand di fama mondiale e come tale va preservato: scelte azzardate potrebbero comportare ripercussioni a breve e lungo termine e compromettere in modo inequivocabile la fiducia guadagnata nel tempo".

Pronti a ripartire ma necessarie regole chiare! Costiera solo sfiorata dal virus.

"Le attività della costa d’Amalfi stanno resistendo e hanno voglia di ripartire dopo questo momento così difficile. I turisti innamorati dei nostri luoghi ci dimostrano ogni giorno quanto desiderano tornare. Ma è ora che chi di dovere faccia scelte chiare e condivise sul territorio. Non possiamo più temporeggiare altrimenti sarà l’assenza di decisioni il colpo finale alla destinazione. I problemi sono tanti. Il primo è la liquidità delle aziende. Le banche stanno temporeggiando e ci sono segnali negativi nonostante i decreti avessero l’obiettivo di immettere denaro nel sistema. Per questo ci aspettiamo una risposta veloce anche dai comuni alla richiesta presentata già da una decina di giorni di sospensione e rimodulazione delle imposte locali. E’ fondamentale in assenza di liquidità spostare i costi fissi. E’ necessario operare per creare una area sicura. La Costiera è stata, fortunatamente, solo sfiorata dal virus  - ha affermato Andrea Ferraioli, Presidente del Distretto Turistico della Costiera Amalfitana -  e questo è molto importante perché ci permette di avere una immagine positiva. Ma se vogliamo ripartire – nonostante lo faremo solo con una domanda minima – bisogna assicurare che tutto il sistema turistico possa essere preservato. Ci vuole una forte collaborazione in questo senso. Penso a tutto un settore che parte dai trasporti e arriva ai fornitori che deve essere responsabilizzato e messo nelle condizioni di operare in sicurezza e non arrecare danno. La filiera turistica deve essere monitorata e garantita. Per questo è necessario anche che tutti i comuni della costa facciano scelte condivise sulla gestione degli eventuali flussi turistici evitando ordinanze contrastanti. Infine le regole sulla gestione degli ospiti. La nostra ospitalità e la nostra innata capacità di accogliere i turisti è conosciuta in tutto il mondo. Dobbiamo poter lavorare in sicurezza senza disperdere questo patrimonio. Per questo ci aspettiamo regole chiare e attuabili perché non possiamo permetterci di trasformare le nostre attività in ospedali". 

Torna su
SalernoToday è in caricamento