Attualità

Lunedì su il sipario in Piazza della Libertà, poi De Luca parla di Green Pass e attacca Meloni: "La sfido al dibattito"

Sessantamila studenti immunizzati hanno ricevuto l'abbonamento gratuito per il trasporto pubblico. "A gennaio, febbraio 2022 decideremo se sottoporre il personale scolastico alla terza dose di vaccino". Piazza della Libertà sarà inaugurata lunedì 20 settembre

Il Coronavirus, il Green Pass, l'attacco al centrodestra, la scuola e la terza dose di vaccino. Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, parla a tutto campo ed esordisce con un attacco frontale a Salvini e Meloni, leader di Lega e Fratelli d'Italia. "Il Governo italiano forse per la prima volta ha deciso di prendere posizioni serie per uscire dal Covid - dice De Luca - Si è discusso di Green Pass e si è arrivati ad una soluzione, nonostante squinternati nelle file di Lega e Fratelli d'Italia e qualche radicachic. Il governo ha deciso di difendere salute ed economia del nostro Paese. "Siamo anche in campagna elettorale e in qualche territorio abbiamo un pellegrinaggio non richiesto di personaggi politici improbabili".

La sfida al dibattito e l'attacco frontale

"Alla professoressa Meloni - attacca De Luca - rivolgo un appello: dibattito pubblico quando e dove vuole sulla Campania. Sarà utile a lei, così avrà modo di informarsi sulla Campania, prima di dire stupidaggini. Purtroppo nelle campagne elettorali non tutti hanno l'abitudine di presentare i propri progetti, rispettando la verità, i fatti. Ci sono personaggi politici che sono geneticamente refrattari a raccontare i fatti. Vi dovrei parlare di un pellegrino che viene da Milano ogni quindici giorni, magari con un abbigliamento più consono al circo equestre che alla dignità della politica".

Il Green Pass

"Le certificazioni di Green Pass evitano che l'Italia si blocchi alla fine di settembre, inizio ottobre. In queste settimane abbiamo assistito a cose sconcertanti: Salvini e Meloni, due gioielli politici, si sono opposti. Non ho capito qual è la loro proposta. Loro si sono opposti al lockdown quando avevamo migliaia di morti e facevano cortei senza mascherina. Se li avessimo seguiti, oggi saremmo in ginocchio. Non ho capito cosa vogliono e cosa proponevano rispetto al persona sanitario e scolastico che dovevano vaccinarsi. Se fosse stato per loro, oggi avremmo scuole prive di norme di sicurezza e ospedali in condizioni di pericolo per chi andava a ricoverarsi. Il Governo finalmente va avanti, nonostante qualche mugugno. E' accaduto per qualche area di radical-chic, che ha detto, dopo essersi vaccinato, che la misura del Green Pass intaccasse la libertà. Vale anche per loro la stessa domanda che ho rivolto a Salvini e Meloni: voi che cosa avreste fatto?. Grazie a Dio forse abbiamo alle spalle chiacchiere al vento e prove di irresponsabilità. Finalmente c'è l'obbligo anche per chi ha attività. Mi pare di capire che sia obbligatoria la vaccinazione anche per i sindaci, presidenti di Regione. Meglio tardi che mai: ci avete messo un anno per capirlo, non solo per dare l'esempio ma perché dai presidenti di Regione dipendono i sistemi sanitari. Ci è arrivato anche il Governo. Si decide di saltare alcune situazioni sindacali cervellotiche: chi non si vuole vaccinare deve avere il tampone gratuito. Cioè tu non ti vuoi vaccinare e quindi fare una cosa che è gratuita, e poi lo Stato deve anche pagarti il tampone?. E' una fase che mi dà soddisfazione: si capisce che la democrazia è data non dalla quantità di parole ma dalla quantità di decisioni".

La terza dose e l'appello

"Parte la campagna - dice De Luca - e la priorità oltre alle persone fragili  sarà costituito dalle residenze sanitarie assistite. Bisogna estendere: più va avanti la campagna di vaccinazione e più si avvicina la data nella quale potremo tornare alla vita normale. Ci stiamo preparando per ottobre e facciamo in modo che non ci sia una nuova ondata. Ci sono ancora troppe persone non vaccinate: manca all'appello un milione di nostri concittadini. Il tempo delle cialtronate è finito. Per quanto riguarda le terapie intensive ed i ricoveri ospedalieri, non ci sono picchi. Per esserne, però, certi, bisogna aspettare fine settembre, inizio ottobre. Faccio un appello anche alle donne in gravidanza: è importante, è fondamentale: vaccinatevi dal terzo mese".

La scuola

"Non mancano i problemi ma abbiamo una situazione di sicurezza maggiore - prosegue De Luca - Avremo sempre più camper davanti alle scuole per agevolare la campagna di vaccinazione per gli studenti e tra gennaio e febbraio 2022 valuteremo se fare la terza dose anche al personale scolastico. Finalmente si inizia a fare sul serio ed a prendere decisioni: se lo avessimo fatto prima, saremmo già fuori dal Covid. Tra le buone notizie, già 60mila studenti (60% degli aventi diritto) hanno avuto abbonamento gratuito per il trasporto pubblico. Si tratta di ragazzi immunizzati".

Piazza della Libertà

"Si inaugura tra pochi giorni, una grande opera, un luogo per grandi eventi truristici, culkturali, sportivi, musicali, che darà dignitià a Salerno. Sotto la piazza, il più grande parcheggio a raso che abbiamo in Italia. Si inaugurerà la piazza lunedì 20 settembre, la sera. Il giorno successivo, su richiesta della Curia, si celebrerà il Pontificale, in onore di San Matteo. Avremo la presenza a Salerno del cardinale Parolin, segretario di Stato. Anche per questo motrivo, il Comune ha deciso di accelerare i tempi per completare l'opera che poi sarà definita con la parte elettrica per quanto riguarda i parcheggi e con le attività commerciali sulla passeggiata a mare"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lunedì su il sipario in Piazza della Libertà, poi De Luca parla di Green Pass e attacca Meloni: "La sfido al dibattito"

SalernoToday è in caricamento