Domenica, 21 Luglio 2024
Attualità

De Luca: "Il messaggio delle urne è chiaro, il Sud è all'opposizione di questo governo"

Per il presidente della Regione Campania gli elettori meridionali hanno voluto mandare un "segnale di contrarietà alla ipotesi di autonomia differenziata e di protesta per il blocco dei fondi sviluppo e coesione che si sta trascinando in maniera irresponsabile da un anno almeno nelle principali Regioni del Sud"

"L'esito delle elezioni europee ha lanciato un segnale politico forte al governo: il Sud è all'opposizione, non per ragioni ideologiche ma di merito". Lo ha dichiarato Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, nella consuete diretta Facebook del venerdì. Per il governatore, nell'ambito di una campagna elettorale caratterizzata da "molta propaganda, qualche elemento di vittimismo e volgarità immessa sulla scena politica", si è registrato un "successo personale importante della Meloni, ma non direi politico perché, dal punto di vista dei numeri, c'è stata una perdita di elettori anche da parte di Fratelli d'Italia". De Luca parla di un "risultato molto positivo per il Pd, significativo anche per Forza Italia, oltre che della lista Alleanza Verdi-Sinistra, che ha avuto obiettivamente un risultato di grande rilievo. Ma - rileva - il dato politico più significativo delle europee è un altro: il Sud ha visto perdente il governo nazionale, le forze di opposizione hanno prevalso". Per il presidente della Regione Campania gli elettori meridionali hanno voluto mandare un "segnale di contrarietà alla ipotesi di autonomia differenziata e di protesta per il blocco dei fondi sviluppo e coesione che si sta trascinando in maniera irresponsabile da un anno almeno nelle principali Regioni del Sud. È un messaggio che arriva al presidente del Consiglio e vuole dire: se pensate di tirare la corda ancora di più inizierete ad avere dei disastri elettorali". De Luca sostiene che il risultato politico del Sud sia "in larga misura" frutto della "battaglia promossa dalla Regione Campania e dal presidente della Regione Campania".

Fondi di Coesione

Sullo sblocco dei Fondi Sviluppo e Coesione De Luca è stato al solito critico nei confronti del governo e del ministro Fitto: “Incredibilmente dopo un anno quei fondi rimangono ancora bloccati. In violazione sostanziale delle sentenze del Tar e del Consiglio di Stato, che ha fissato un termine (fine giugno) per completare la procedura relativa all’Accordo di Coesione con la Regione Campania. Qualche giorno fa a Napoli è venuto il ministro Fitto, il quale si è recato in Confindustria ed ha parlato dei fondi in questione ed ha ripetuto le cose che dice da mesi. L’unica cosa che non spiega è perché non sono stati raggiunti accordi con la Campania e racconta stupidaggini quando parla del “merito” dell’accordo da noi proposto". Di qui il richiamo alle forze di opposizione: "Alle forze politiche che in Parlamento stanno facendo una battaglia contro l'autonomia differenziata, suggerirei di introdurre anche elementi sociali, concreti: chiedete che vengano sbloccati i fondi di coesione perche' a questi fondi sono legati i cantieri, le opere stradali da fare nei Campi Flegrei, i lavori per le frane, per l'attivita' culturale. Suggerirei - ha insistito il governatore - di legare la battaglia istituzionale a una battaglia sociale, economica e concreta, se non e' di troppo peso alle forze che stanno facendo battaglia contro autonomia differenziata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca: "Il messaggio delle urne è chiaro, il Sud è all'opposizione di questo governo"
SalernoToday è in caricamento