menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Disinfettante per le mani: L'Arpac si mette a disposizione per produrlo ma serve etanolo

L'Arpa Campania potrebbe produrre disinfettante per le mani nei suoi laboratori per contribuire a tutelare gli operatori delle istituzioni esposti ai rischi legati alla diffusione dell'epidemia di Covid-19

L'Arpa Campania potrebbe produrre disinfettante per le mani nei suoi laboratori per contribuire a tutelare gli operatori delle istituzioni esposti ai rischi legati alla diffusione dell'epidemia di Covid-19. La produzione potrebbe avvenire secondo la formulazione suggerita dall'Organizzazione mondiale della sanità, ma sono necessarie grandi quantità di etanolo.

L'appello

L'Agenzia perciò rivolge un appello a produttori e distributori in grado di mettere a disposizione quantitativi di alcol etilico (etanolo), ingrediente indispensabile per ricavare questo tipo di prodotto. I soggetti disposti a fornire alcol etilico possono mettersi in contatto con Arpac, in particolare con la UOC Siti contaminati e bonifiche con sede a Pozzuoli, inviando un'email a s.dirosa@arpacampania.it

La produzione del disinfettante secondo la formulazione suggerita dall'Oms è stata già avviata nei laboratori del dipartimento Arpac di Avellino e un primo quantitativo è stato consegnato al prefetto del capoluogo irpino, con la finalità di distribuirlo alle forze dell'ordine impegnate nei controlli sul territorio. L'Agenzia punta ad ampliarne la produzione, coinvolgendo altri laboratori delle proprie strutture.

Arpac ha l'esigenza di proteggere i propri tecnici impegnati nelle attività sul campo, e inoltre valuterà di mettere a disposizione il prodotto per soggetti quali forze dell'ordine e personale sanitario. Sulla base dei quantitativi che si riusciranno a produrre, verranno rese note le modalità per richiedere il disinfettante ai laboratori dell'Agenzia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento