Eccellenze: Alessandro Polidoro editore

Eccellenza l'Alessandro Polidoro Editore

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

La Alessandro Polidoro Editore è una casa editrice indipendente fondata a Napoli nel 2013 per raccontare la contemporaneità attraverso i suoi linguaggi e le sue storie, specializzata in narrativa italiana contemporanea con la collana Perkins, dal 2018 ha inaugurato la collana di narrativa straniera “I Selvaggi”, uno spazio dedicato agli autori contemporanei più influenti nei loro paesi, spesso ancora ignoti in Italia. La saggistica è declinata su due collane: Altro Parallelo propone approfondite analisi sui processi storico-culturali che hanno segnato il Paese, mentre L’Eternauta sviluppa la riflessione sulla cultura mediale e sul fumetto. I libri della Polidoro sono distribuiti da DirectBook. . . Dottore Alessandro Polidoro, la sua giovane Casa Editrice è già un’eccellenza nazionale, ce ne parla? La Casa Editrice è nata nel 2013 e circa tre anni fa abbiamo sviluppato un progetto finalizzato alla costruzione della nostra identità, cercando di rispondere a pieno anche alle richieste del mercato nazionale. Nasce quindi tre anni fa la nostra identità visiva e di catalogo: nuove grafiche e quattro progetti di collana, che costituiscono l’ossatura della Casa Editrice: I Selvaggi, che ha portato l’Alessandro Polidoro Editore a ricercare nuove voci provenienti dal mondo ispanico, filone che portiamo avanti con grande entusiasmo, organizzando tour in tutta Italia, partecipando alle fiere e prendendo contatti con tantissime librerie indipendenti. Ancora, la collana Perkins di narrativa italiana, su cui quest’anno stiamo puntando molto e Altro Parallelo, collana di saggistica, che pone lo sguardo sui fatti d’attualità e della società contemporanea. In ultimo, la Collana Classici, diretta dal nostro editor Antonio Esposito che svolge un’intensa attività di ricerca di titoli fondamentali della nostra letteratura non più pubblicati. Dottore Polidoro, ci dice una caratteristica della sua Casa Editrice? La nostra Redazione è formata da un gruppo affiatato di giovani professionisti under 30. I tre cardini che individuerei come caratteristiche principali della nostra redazione, sono: competenze, professionalità e qualità. Dottor Polidoro, ci parla anche dei progetti futuri e di quelli in corso? L’Alessandro Polidoro Editore a partire da marzo avrà dei nuovi uffici operativi a Roma. La nostra identità è napoletana, infatti a Napoli resterà la comunicazione e l’ufficio commerciale. Abbiamo però avvertito la necessità di aprirci all’editoria nazionale frequentando la città che è un po’ la casa dell’editoria indipendente, declinando ed esponendo ancora meglio la nostra voce, offrendo alle nostre pubblicazioni un doppio palcoscenico. Poi, insieme a Rosario Bianco e Diego Guida organizzo da tre anni NapoliCittàLibro, il Salone del Libro di Napoli. Quest’anno ad aprile ci sarà la terza edizione che ha l’obiettivo di consolidare, e meglio ancora strutturare il Salone che è ormai una realtà e che vuole affermarsi tra i più importanti Saloni Nazionali. Abbiamo anche l’auspicio delle grandi organizzazioni, lo stesso presidente dell’AIE ha dichiarato quest’anno l’appoggio al nostro Salone. Dottore, quanto è importante fare sinergia nel settore dell’Editoria? Assolutamente fondamentale, sono un Editore che non ha mai navigato da solo, sempre accompagnato da giovani e da altri professionisti del settore. È necessario viaggiare insieme per viaggiare più sicuri.

Torna su
SalernoToday è in caricamento